In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Nuova rassegna stampa sul processo in Francia
 
Ulteriore raccolta di articoli tratti dalla stampa mondiale. Traduzione a cura di Martini.
 
 
 
Chiesto il carcere per l'ex leader francese di Scientology
 
Reuters. 22 Settembre 1999.
 
 
In Francia sette membri della Chiesa di Scientology sono sotto processo con accuse di truffa.
 
Marsiglia, Francia, 22 Settembre (Reuters) - Mercoledì il pubblico ministero ha richiesto la condanna al carcere per l'ex leader della Chiesa di Scientology, accusato di truffa, affermando che il gruppo era determinato a spillare soldi ai suoi fedeli con un "mostruoso gioco di truffe". Il pubblico ministero Danielle Drouay-Ayral ha richiesto che Xavier Delamare, ex funzionario della chiesa per la Francia meridionale, fosse mandato in prigione per 18 mesi, con un'ulteriore sospensione della pena di 18 mesi, e multato per 200.000 franchi ($32.000).
 
Delamare, 42 anni, e sei altri membri della chiesa sono sotto processo in questa città portuale del sud per truffa, violenza e pratica illegale della medicina, in relazione a corsi di purificazione spirituale organizzati dai membri dell'organizzazione. Le accuse comportano un massimo di cinque anni di detenzione.
 
Per altri cinque imputati, il pubblico ministero ha chiesto una condanna a due anni con la condizionale, e sospensione dei diritti civili per cinque anni. Inoltre, una condanna nominale per l'ultimo imputato, Dominique Pons, che ha testiminiato a sfavore del gruppo e ha accusato Delamare di averlo incaricato di losche missioni di raccolta fondi.
 
Scientologisti, compresi membri di altri paesi europei, hanno protestato davanti al tribunale, nel terzo giorno di udienze, accusando le autorità francesi di molestie.  [1] 
 
La chiesa ha annunciato di aver scritto al Primo Ministro Lionel Jospin per denunciare la persecuzione messa in atto da un comitato interministeriale che indaga sulle sette  [2]  e ha richiesto che questo venga sciolto. Il Ministro della Giustizia Elisabeth Guigou ha espresso la sua preoccupazione per il potere di Scientology, che afferma di avere più di otto milioni di seguaci nel mondo. Il capo del comitato, Alain Vivien, ha dichiarato che Scientology, in Francia, dovrebbe essere messa fuori legge.
 
La Drouay-Ayral ha contestato le argomentazioni di Delamare circa il fatto che la missione della chiesa fosse quella di perpetrare crimini, violenza, droghe e degrado della società.
 
 
Membri indotti a entrare nel gruppo.
 
Ha dichiarato che i potenziali membri erano stati indotti ad entrare nel gruppo attraverso questionari che ha definito privi di valore, i quali hanno lo scopo di individuare problemi personali che giustificherebbero la ricerca d'aiuto attraverso i corsi e le cure della chiesa. "L'unico scopo degli Scientologisti è vendere... è una truffa mostruosa" ha detto alla corte.
 
Psichiatri esperti avevano precedentemente sostenuto che le vitamine prescritte dalla chiesa non hanno valore medico. Hanno affermato che Scientology recluta persone mentalmente fragili e le rende sempre più dipendenti dalla chiesa, allentando i loro legami familiari e sociali.
 
Testimoni della difesa hanno risposto che donazioni in denaro esistono in tutte le religioni, e sono essenziali per stabilire un impegno verso la chiesa, e un aiuto reciproco. Un ex delinquente, il 39enne Georges Tosiello, ha dichiarato alla corte che Delamare l'ha aiutato a tornare a una vita pulita.
 
Si prevede che il processo si concluderà giovedì, e che la corte emetterà il suo verdetto in data successiva. L'udienza è stata disturbata dalla scomparsa di prove legali, fatto che le autorità francesi hanno addebitato a un errore di un impiegato del tribunale. Marie-Annick Varlamoff ha rigettato le argomentazioni degli imputati Scientologisti, secondo i quali la sparizione dei documenti avrebbe reso impossibile un processo equo.
 
 
 
Gli avvocati richiedono la condanna di Scientology
 
Associated Press. Di Jean Charles Banoun. 22 Settembre 1999.
 
 
Marsiglia, Francia (AP) - Mercoledì il pubblico ministero ha richiesto da 2 a 3 anni di detenzione per sei membri della Chiesa di Scientology, sotto processo in Francia per truffa, e ha definito l'organizzazione "un mostro che divora" il denaro dei suoi seguaci.
 
L'assistente procuratore Danielle Drouy-Ayral si è riferita al principale imputato, Xavier Delamare, come a un "parassita" che vive a spese degli uffici di Scientology di Marsiglia e Nizza. La Drouy-Ayral ha chiesto alla corte di condannare Delamare, e punirlo con 3 anni di reclusione con 18 mesi di pena sospesa, e l'equivalente di 32.000 dollari di multa.
 
Il processo, che si è aperto lunedì e si concluderà giovedì, ha portato di nuovo la Chiesa di Scientology sui media della Francia, dove si sta muovendo per essere riconosciuta come religione e non come "sètta".
 
La Drouy-Ayral ha rifiutato di entrare nel dibattito sul fatto che Scientology sia o meno una religione. Al contrario, ha paragonato la Chiesa di Scientology a un "mostro che divora il denaro dei suoi seguaci". Ha richiesto che la corte confischi i fondi sui conti correnti bancari di Scientology, sequestrati durante l'indagine. In aggiunta, due anni con la condizionale per le cinque imputate, una delle quali ha lasciato la Chiesa di Scientology. La Drouy-Ayral si è affidata alla corte affinché questa usi il proprio discernimento nel decidere il destino del settimo imputato, che dopo tre mesi di appartenenza ha denunciato la Chiesa di Scientology come una "truffa".
 
Ci si attende che la difesa, che terrà la sua arringa giovedì, discuterà sul fatto che la frode è una accusa nulla a causa del carattere religioso della Chiesa di Scientology.  [3] 
 
Il processo porta a compimento un'indagine iniziata nel 1990 per presunta truffa, pratica illegale della medicina e violenza premeditata, contro i funzionari regionali di Scientology di Marsiglia e Nizza.
 
La Francia ha da lungo tempo un rapporto conflittuale con Scientology, che tra i suoi membri annovera Tom Cruise, John Travolta e Kirstie Alley. Il paese ha incluso la Chiesa di Scientology in un elenco di 173 gruppi da tenere sotto controllo per prevenire attività settarie. La maggioranza dei paesi europei non la accetta come religione.
 
Fondata nel 1954 dallo scrittore di fantascienza L. Ron Hubbard, l'organizzazione di Los Angeles insegna che la tecnologia può espandere la mente, ed aiutare a risolvere i problemi umani.  [4] 
 
 
 
Scientology: sentenza a Novembre
 
Dal bollettino di informazione di Yahoo. 22 Settembre 1999.
 
 
Concluso in Francia il processo chiave per le accuse di truffa contro Scientology.
 
Marsiglia, Francia, 23 Settembre 1999 (AFP) - gli scientologisti francesi accusati di truffa giovedì hanno denunciato, a chiusura del processo di quattro giorni tenutosi nella città della Francia meridionale, una "inquisizione".
 
La sentenza contro i sette imputati, che rischiano fino a cinque anni di detenzione se verranno condannati per presunte truffe messe in atto per conto della chiesa tra il 1987 e il 1990, sarà emessa il 15 novembre prossimo. Scientology in Francia è ufficialmente elencata come "sètta".
 
Nel frattempo, l'attore americano John Travolta, membro della Chiesa di Scientology, la sera precedente aveva precipitosamente lasciato Parigi, cancellando interviste - nel timore di essere chiamato a testimoniare nel caso, hanno riferito membri del suo entourage.
 
In aula, la difesa ha richiesto l'assoluzione affermando che gli accusati erano stati trattati come "la feccia della Francia giudeo-cristiana"  [5]  e richiedendo "giustizia, non inquisizione".
 
"Si pensa che qualsiasi cosa nuova e sconosciuta sia cattiva", ha dichiarato l'avvocato Jean-Yves Leborgne per conto del principale imputato Xavier Delamare. Leborgne ha discusso sul fatto che la chiesa Cattolico-Romana non è altro che una "sètta di successo".  [6] 
 
Mercoledì il pubblico ministero Daniele Drouy-Ayral aveva richiesto per Delamare, ex responsabile dei centri della Chiesa di Scientology della Francia meridionale, una condanna a tre anni, comprendente 18 mesi di condizionale, e una multa pari a 200.000 franchi (30.500 euro).
 
Per le cinque donne, ancora appartenenti all'organizzazione, ha richiesto due anni con la condizionale, e una pena più leggera per il settimo imputato, impiegato nel gruppo per appena tre mesi.
 
Il pubblico ministero ha discusso sul fatto che "oltre alla religione esiste una chiara e istituzionalizzata tendenza commerciale" in cui i funzionari della chiesa praticavano "manipolazione mentale" per estorcere denaro a persone in difficoltà.
 
La chiesa offre corsi di auto-miglioramento basati sugli scritti del defunto autore di fantascienza L. Ron Hubbard, che ha delineato i principi da lui denominati Scientology e Dianetics. La Drouy-Ayral ha tuttavia discusso sul fatto che sedute di purificazione, terapie a base di vitamine ed elettrometri sono venduti a prezzi eccessivi, e minacciano la salute di persone con "problemi psichici reali".
 
Questa settimana sostenitori del gruppo hanno protestato davanti al tribunale, e la chiesa, con base a Los Angeles, ha affermato che avrebbe inviato una delegazione presso l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa per denunciare "gli abusi contro i diritti umani da parte dell'ufficio 'antisette' del governo francese".
 
Gli avvocati della difesa e la chiesa hanno discusso sul fatto che gli imputati non avrebbero potuto avere una udienza equa a causa "dell'isteria dei media" che starebbe attualmente imperversando in Francia, dopo che all'inizio del mese si era avuto notizia della distruzione di documenti d'accusa pertinenti al caso.
 
Il governo ha escluso che la faccenda implicasse un reato, affermando che i fascicoli d'accusa erano stati distrutti per errore lo scorso anno, come parte di una regolare pulizia dei documenti dell'ufficio di cancelleria del tribunale. Ma questo secondo caso, nel giro di un anno, di scomparsa di fascicoli giudiziari relativi a casi che vedono coinvolta Scientology, ha condotto ad avanzare accuse che gli scientologisti avessero infiltrato dipartimenti governativi e giudiziari.
 
Il responsabile di un comitato governativo di lotta alle sètte, il deputato dell'Assemblea Nazionale Alain Vivien, la settimana scorsa ha dichiarato che, seppur opponendosi ad una messa fuori legge globale delle sètte, il suo cominato era favorevole allo sciogliemento di organizzazioni "estremamente pericolose", includendo tra queste la Chiesa di Scientology e l'Ordine del Tempio Solare.
 
La Francia, così come la Germania, è stata ripetutamente criticata dagli Stati Uniti per aver classificato la Chiesa di Scientology come sètta.  [7] 
 
Fondata a Los Angeles nel 1954, la facoltosa organizzazione sostiene di avere otto milioni di seguaci nel mondo, di cui 30.000 in Francia.
 
 
 
Concluso il processo per truffa contro gli scientologisti
 
Associated Press. Di Jean-Charles Banoun, 23 Settembre 1999
 
 
Marsiglia, Francia (AP) - il processo per frode contro sette scientologisti si è concluso giovedì con la difesa che ha richiesto alla corte di ignorare la pesante retorica anti-Scientology della Francia.
 
Nella sua arringa di 90 minuti, l'avvocato Jean-Yves Le Borgne ha esortato i giudici a "rifuggire la pressione di politici e media che denunciano Scientology e il pericolo che rappresenta". La difesa ha chiesto che tutte le accuse vengano archiviate.
 
Il processo, aperto lunedì scorso, è il culmine di un'inchiesta iniziata nel 1990 contro i leader regionali di Scientology per Marsiglia e Nizza per presunta truffa, pratica illegale della medicina e violenza premeditata.
 
Tuttavia Le Borgne ha discusso sul fatto che "la truffa non può esistere in campo religioso".
 
Il sostituto procuratore, mercoledì, ha chiesto fino a tre anni di detenzione per sei membri della chiesa. Inoltre, che la corte decida in proprio il giudizio per il settimo scientologista, che, dopo avervi fatto parte per tre mesi, ha denunciato la chiesa. Ha inoltre rifiutato di dibattere sul fatto se Scientology sia o meno una religione, paragonandola a "una piovra, un mostro che divora il denaro dei suoi seguaci".
 
Ma martedì Le Borgne ha dichiarato che non esiste differenza tra una sètta e una religione, perché le persone sono in grado di decidere da sole cosa sia normale o anormale. Il verdetto della corte è previsto per il 15 novembre.
 
Parecchi europei sono da tempo scettici su Scientology che, tra i suoi membri in vista, include gli attori Tom Cruise, John Travolta e Kirstie Alley.
 
In Francia la Chiesa di Scientology è stata inserita in un elenco di 173 gruppi che necessitano controllo per attività settarie.
 
Martedì gli scientologisti hanno inviato una delegazione ad un incontro a Vienna dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, per richiedere lo scioglimento dell'unità "antisette" francese. La Chiesa di Scientology ha argomentato le sue lamentele contro la Francia in una dichiarazione di mercoledì, sostenendo che il governo aveva rifiutato il dialogo con le "religioni minoritarie". La chiesa ha inoltre descritto la discriminazione francese contro scientologisti, ai quali sostiene è stato rifiutato il diritto di aprire conti correnti bancari, e insegnanti sono stati licenziati per la loro affiliazione a Scientology.  [8] 
 
Fondata nel 1954 dallo scrittore di fantascienza L. Ron Hubbard, l'organizzazione con base a Los Angeles insegna che la "tecnologia" [elaborata dal fondatore] può espandere la mente ed aiuta a risolvere i problemi.
 
 
 
Giù le mani dalla religione, dice Scientology al tribunale francese
 
Reuters. Di Thierry Cayol. 23 Settembre 1999.
 
 
Marsiglia, Francia, 23 Settembre 1999 (Reuters) - Il dibattimento del processo per truffa contro sette membri francesi della Chiesa di Scientology si è concluso giovedì con l'insistere degli imputati che il caso costituiva materia religiosa, e pertanto non di competenza del tribunale.
 
L'avvocato della difesa Jean-Yves Leborgne ha dichiarato che il caso, in cui gli scientologisti sono accusati di sfruttamento di persone ingenue vendendo loro sedute di purificazione mentale, non ha nulla a che vedere con il crimine. "Si richiede alla giustizia di decidere su tutto, compreso questioni che non la riguardano in alcun modo", ha dichiarato alla corte di questa città portuale sul Mediterraneo a conclusione di quattro giorni di udienza. "Praticare una religione non è un reato. In questo processo non è stato provato alcunché", ha detto Leborgne.
 
Il pubblico ministero Danielle Drouay-Ayral ha richiesto per Xavier Delamare, ex leader della chiesa per la Francia sudorientale, una condanna a 18 mesi di detenzione e 18 mesi di sospensione della pena. Ha inoltre richiesto, per altri cinque imputati, una condanna a due anni con la condizionale, e una condanna nominale per un altro imputato che ha denunciato la chiesa.
 
 
La corte ha annunciato che consegnerà la sentenza il 15 Novembre prossimo.
 
Per tutta la durata del processo, scientologisti hanno protestato di fronte al tribunale contro ciò che ritengono molestie da parte delle autorità francesi, e per la richiesta di mettere la chiesa fuori legge avanzata dal capo di una commissione interministeriale che indaga sulle sètte.
 
L'attore americano John Travolta, membro della Chiesa di Scientology, ha lasciato Parigi mercoledì notte, cancellando una conferenza stampa prevista giovedì per la presentazione del suo film "La Figlia del Colonnello".
 
La radio francese ha affermato che desiderava evitare di essere convocato come testimone al processo. Il suo agente ha spiegato la sua partenza con l'inizio delle riprese di un altro film.
 
Leborgne ha dichiarato che il pubblico ministero ha mancato di fornire prove a sostegno delle accuse di truffa, violenza e pratica illegale della medicina a spese di dieci ex membri della chiesa. Solo due di essi hanno presentato denuncia.
 
Leborgne ha aggiunto che nella regione altri 879 membri della chiesa hanno ricevuto lo stesso trattamento e non se ne sono lamentati. Ha detto che la chiesa non può garantire miracoli. "Non è che tutti quelli che si recano a Lourdes in carrozzina, ritornino correndo", ha affermato, riferendosi al santuario Romano-Cattolico francese dove si dice che persone siano state curate da vari disturbi.  [9] 
 
 
 
Note
 
[1] A questo punto, riteniamo interessante segnalare la sezione Le molestie ai critici.
 
[2] Le affermazioni della multinazionale appaiono seguire le linee strategiche generali adottate dal management dell'organizzazione, il quale invoca la protezione delle garanzie accordate alla religione per ciascuna attività nella quale è coinvolta. Scientology presenta regolarmente se stessa come una "minoranza religiosa perseguitata" esclusivamente per le sue credenze di natura religiosa, e non al contrario soggetta a riserve e maggiori controlli a seguito di condanne subite in tribunale per l'accertata commissione di attività illegali in campi che esulano dalla sfera religiosa. Per una nota esaustiva sull'argomento, vedi qui.
 
[3] «Il primo strumento di difesa di alcuni gruppi è cercare di dimostrare che il loro credo costituisce una religione, in modo da poter poi affermare di agire in accordo con esso anche se ciò implica la commissione di illegalità. [...] Questo genere di dibattito è una trappola in cui alcuni gruppi sistematicamente cercano di attrarre le autorità, e queste ultime devono sforzarsi di evitarla» (Rapporto del Consiglio d'Europa in materia di Sètte, Giugno 1999).
 
[4] Scientology è nata come "scienza esatta" nel campo della salute mentale (Dianetics), e si è trasformata strada facendo in "religione", sebbene continui a fondarsi per 3/4 sulla commercializzazione ad alto costo di presunti "ritrovati scientifici". Vedi qui per una ricostruzione di questo passaggio chiave.
 
[5] L'espressione originale è l'incredibile "the wogs of Judeo-Christian France". Invero il termine "wog" è in uso in Scientology come espressione gergale dispregiativa atta ad indicare i non-Scientologist (per una definizione ufficiale, vedi un qualunque "Dizionario Tecnico di Scientology e Dianetics"). La Dott.ssa Monica Pignotti, ex Scientologist, riassume come segue:
 
«Ci si riferisce ai non-Scientologist come a "wogs" (slang - negri, immigrati. Originariamente usato per definire chi viveva nelle colonie) o "carne cruda" [raw meat], i quali vengono guardati dall'alto al basso come esseri spiritualmente sottosviluppati. Si fa riferimento al mondo esterno come al mondo "wog", un mondo molto triste pieno di gente controllata dalla "mente reattiva" (la parte aberrata della mente) e perciò in un intontimento semi-cosciente.»
 
[6] Affermazione curiosa, essendo Scientology tutt'altro che "nuova": è in circolazione dal 1950, e sono trascorsi ben cinquanta anni dalla pubblicazione di Dianetics (ufficialmente, Scientology è stata fondata quattro anni dopo).
 
[7] Sull'influenza di Scientology negli U.S.A., si veda in particolare la vicenda dell'IRS, l'ente fiscale statunitense, qui e qui ("New York Times" del 9 Marzo 1997 e aggiornamento del 1 Marzo 1998 a cura del "Salt Lake Tribune").
 
[8] Scientology ha rivolto accuse simili alla Germania, la quale ha posto l'organizzazione sotto la sorveglianza dei servizi segreti. Per una replica da parte dell'Ambasciata Tedesca a Washington (Stati Uniti, 1997), vedi qui.
 
[9] Argomentazione opinabile, considerato il modo in cui Scientology reclamizza e vende ore di "miracolosa" "terapia" per la mente. L'ampia produzione di Hubbard è infiorettata di affermazioni para-scientifiche del tenore della seguente: «Noi siamo i piu' abili tecnici nel campo della mente umana operanti sul pianeta, e gli unici esperti addestrati in grado di produrre in questo campo buoni risultati uniformemente benefici e permanenti.»
 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it