In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Scientology: Intervento alla Camera dei Deputati

tenuto da Simonetta Po in occasione della presentazione del volume "Il libro nero delle sette in Italia" di Caterina Boschetti. Roma, 21 settembre 2007.

Buongiorno a tutti.

Sono Simonetta Po e da dieci anni, con lo pseudonimo "Martini", gestisco il sito Web denominato "Allarme Scientology" [1]. Si tratta di una biblioteca di informazione critica sulla multinazionale Dianetics/Scientology in cui archivio documenti istituzionali, rapporti governativi, sentenze di tribunale, relazioni accademiche, libri, articoli di riviste prestigiose e testimonianze dirette di ex appartenenti. In questi anni di attività ho ricevuto centinaia di segnalazioni, denuncie ed allarmanti racconti di esperienze personali di cittadini italiani che hanno avuto contatti con Scientology o le sue numerose affiliate, e che per timore di ritorsioni, di non essere ascoltati o per semplice senso di vergogna non osano rivolgersi alle autoritè preposte.

Ciò di cui vorrei parlare in questa sede però riguarda altro, e vorrei cominciare da quanto a me pare un paradosso.

Da almeno 10 anni l'Ufficio per la Protezione della Costituzione della Repubblica Federale Tedesca tiene monitorate le attivitè della Chiesa di Scientology in quanto rappresenterebbero un potenziale rischio per l'ordinamento democratico del paese [2]. A fine anni Settanta, infatti, undici alti dirigenti del movimento, tra cui la moglie del fondatore, vennero condannati negli Stati Uniti per associazione a delinquere a fini di spionaggio e per essersi impossessati illegalmente di documenti governativi. Operativi del Guardian's Office, oggi Ufficio degli Affari Speciali della Chiesa di Scientology, si erano introdotti in numerosi uffici governativi e privati asportando migliaia di documenti e collocando microspie. Si trattò probabilmente della più ampia e organizzata attività spionistica ai danni del governo in tempo di pace [3].

Nel 1992, in Canada, la Chiesa di Scientology di Toronto e tre suoi dirigenti furono condannati per abuso di fiducia pubblica in un caso che vedeva coinvolto il furto di informazioni in pubblici uffici [4].

Nel 1997 la Grecia dissolse la locale organizzazione di Scientology per attività criminali, tra cui spionaggio e schedatura ai danni di giornalisti, uomini politici, rappresentanti della Chiesa Ortodossa e privati cittadini critici del movimento [5].

È di poche settimane fa la notizia che in Belgio è stato richiesto il rinvio a giudizio di una decina di dirigenti e della la "Chiesa di Scientology" in quanto tale per numerosi capi di imputazione, tra cui l'associazione per delinquere. [6].

Le scritture interne del fondatore, inoltre, darebbero disposizioni precise su come comportarsi con i "nemici", tra cui vanno annoverati anche i governi "ostili" alle attività del gruppo, e su come infiltrare le loro strutture [7].

I maggiori partiti politici tedeschi chiedono ai loro tesserati di firmare una dichiarazione in cui affermano di non essere seguaci del movimento, convinti che esistano fondati motivi per ritenere che la fedeltà del seguace sia primariamente destinata al movimento. Alcuni Land tedeschi richiedono la stessa dichiarazione, per gli stessi motivi, ai dipendenti pubblici [2].

Francia, Germania, Belgio, Svizzera ed altri paesi europei hanno istituito commissioni parlamentari per indagare sulle attività dei cosiddetti movimenti settari, con particolare interesse a quelle di Scientology [8]. Hanno inoltre da tempo recepito e attuato le raccomandazioni del Consiglio d'Europa del 1999 [9].

In Italia la situazione è ben diversa. Oltre a quello che sembra essere un generale e profondo disinteresse istituzionale per le attività settarie, nel collegio difensivo della Chiesa di Scientology all'epoca del controverso procedimento giudiziario che la vide coinvolta tra la metà degli anni '80 e il 2000 [10] figuravano l'On. Alfredo Biondi, ex Vice Presidente della Camera dei Deputati, e l'On. Giuliano Pisapia. Quando l'On. Biondi ancora rivestiva la quinta carica dello Stato, presenziò all'inaugurazione della nuova sede milanese dell'organizzazione. Sul podio accanto a un busto bronzeo del fondatore, pare abbia detto: «sono veramente orgoglioso di essere un amico della Chiesa di Scientology» [11]. Per i parenti, gli amici, le vittime italiani di movimenti settari la cosa ha senz'altro lasciato un profondo senso di amarezza, di sconforto e di abbandono verso quegli organi dello Stato che, al contrario, dovrebbero proteggerli.


A giugno 2007 si è tenuto a Bruxelles il convegno annuale della International Cultic Study Association [12], associazione internazionale che si occupa di studi e ricerca sui fenomeni settari. I tre giorni di lavori, ad altissimo livello, hanno visto alternarsi un centinaio di relatori provenienti da ogni parte del mondo che hanno affrontato la problematica settaria da ogni punto di vista [13]. Nel campo della fenomenologia settaria, infatti, si possono e devono essere inclusi i gruppi politici estremisti - dal movimento di liberazione simbionese che rapì Patricia Hearst alle Brigate Rosse -, i movimenti religiosi responsabili di massacri epocali che vanno dall'omicidio/suicidio di massa di Jonestown, con le sue quasi 1000 vittime, fino ai Dieci Comandamenti di Dio dell'Uganda, con oltre 1200 morti, al gruppo Aum Shin Rikyo, responsabile del primo uso in ambito non bellico di armi di distruzione di massa, con la diffusione del gas Sarin nella metropolitana di Tokyo del 1995 che lasciò a terra 12 morti e 5500 intossicati. Vi vanno altresì incluse quelle forme di fondamentalismo islamico, rappresentate ma non limitate a Al Quaeda, e di fondamentalismo cristiano, come i supremazisti bianchi responsabili dell'attentato di Oklahoma City, o il Ku Klux Klan.

Al convegno erano presenti funzionari istituzionali e magistrati di tutta Europa, oltre che un rappresentante delle Forze Armate statunitensi, relatore di un interessante studio sui gruppi fondamentalisti islamici.

Purtroppo, benché il contribuente italiano mantenga a Bruxelles una nutrita schiera di funzionari e la sede del convegno fosse esattamente di fronte al Parlamento Europeo, ho dovuto constatare con enorme amarezza di essere l'unica italiana presente.

E a me, che rappresento soltanto me stessa o al più la "casalinga di Voghera", detti funzionari istituzionali e magistrati europei ed extra europei chiedevano informazioni sulla situazione in Italia.

Non nascondo di aver provato un profondissimo senso di vergogna per l'assenza di figure istituzionali del mio Paese e per la loro generale latitanza sull'argomento, che spero di avervi trasmesso.

Ed ora vorrei illustrarvi una serie di curiosi episodi che hanno visti direttamente coinvolti il mio sito e me, ma non solo.

Nell'autunno 2000 appresi che erano state presentate una interpellanza e una interrogazione parlamentare sulle presunte attività del mio spazio Web [14]. I quesiti, a firma rispettivamente Teresio Delfino e Enrico Nan/Gianni Pilo, erano praticamente identici, e i deputati basavano le loro gravi richieste al Parlamento su una unica fonte, cioè le accuse mosse da un sito Web denominato "Tell it All" in cui un sedicente e anonimo "antisette pentito", senza presentare alcuna prova salvo le sue affermazioni, denunciava l'esistenza di una "associazione a delinquere" «organizzata al fine di diffamare con tutti i mezzi il gruppo o la "setta" da loro inviso, e finalizzata all'istigazione dell'odio e della discriminazione religiosa; il tutto compiuto abusando di mezzi e anche di uffici preposti a ben altri scopi di pubblica utilità» [15]. Tale sodalizio criminale sarebbe stato costituito da due parlamentari e un politico italiani di cui venivano fornite unicamente le iniziali, da un «funzionario del Ministero dell'Interno», nome in codice AKA, che si sarebbe adoperato per «causare incidenti, istigare indagini giudiziarie, fomentare stampa scandalistica» contro Scientology, da rappresentanti del CICAP, il comitato fondato da Piero Angela i cui garanti scientifici sono i premi Nobel Rubbia e Levi-Montalcini oltre che il noto farmacologo Garattini, da me, cioè Martini, e da altri personaggi non meglio identificati [16]. Secondo l'anonima e apparentemente bene informata fonte, il mio nome di battesimo sarebbe stato Luciano [16].

Su queste basi gli Onorevoli Delfino, Nan e Pilo chiedevano ufficialmente al Consiglio dei Ministri, al Ministro dell'Interno, della Giustizia e a quello per i Rapporti con il Parlamento, «quali concrete misure il Governo» intendesse intraprendere «per tutelare la minoranza religiosa della Chiesa di Scientology»; «quali provvedimenti» intendesse «assumere per far cessare [...] attività che assumono caratteristiche spionistiche ed inquietanti»; «quali interventi» si intendessero «operare per ricondurre alla liceità il comportamento dei politici che sembrano essere coinvolti in questa attività indegna» e naturalmente «chi siano i gestori dei siti anonimi italiani che, secondo la documentazione citata, risultano essere collusi con gli utenti degli indirizzi di posta elettronica elencati, e quali azioni giudiziarie si intendano promuovere nei loro confronti».

Il sito "Tell it All" mi era noto da qualche mese e già in ambiente Internet era diventato una barzelletta. Registrato negli Stati Uniti con dati falsi, perciò del tutto anonimo e al di fuori della giurisdizione italiana, aveva l'apparenza di un sito internazionale di denuncia, ma in realtà conteneva unicamente le pagine in italiano oggetto delle interrogazioni. Le "prove" a sostegno del presunto complotto di cui Martini, cioè la sottoscritta, avrebbe tirato i fili erano semplici righe digitate dall'autore del sito che venivano presentate come un veritiero scambio di e-mail tra i diversi personaggi elencati.

Sarebbe bastato sottoporre a un esperto di comunicazioni telematiche le intestazioni riportate, cosa che io ho fatto, per avere conferma che si trattava di una bufala e che quella corrispondenza, così come riportata, non sarebbe mai potuta uscire da un computer, né esservi entrata [17]. Inutile aggiungere che, almeno per quanto mi riguarda, quella presunta corrispondenza non è mai stata scambiata.

Ma evidentemente, senza alcuna elementare quanto doverosa verifica e senza alcun tentennamento, ben tre parlamentari della Repubblica in due occasioni diverse ritennero opportuno scomodare le Istituzioni e ben 3 ministeri con quesiti fotocopia che chiedevano con quale peso lo Stato intendesse muoversi a difesa della Chiesa di Scientology contro parlamentari, funzionari ministeriali e semplici privati cittadini.

I contenuti del sito bufala e il testo dell'interrogazione dell'On. Delfino, conditi con ulteriori complottismi e con precisi riferimenti all'Onorevole Violante quale possibile parte della congiura, vennero poi ripresi con grande clamore dalla rivista "Diritti dell'Uomo" della Chiesa di Scientology [18], e suoi funzionari della sede di Pordenone si recarono personalmente a Massa dal mio Internet Provider. Sventolandogli sotto il naso le interpellanze quasi fossero atti giudiziari, gli intimarono di rivelare la mia identità. Il mio provider non si lasciò impressionare e li invitò ad andarsene.

Non so chi fossero i responsabili del sito bufala [19] sulle cui "sconvolgenti rivelazioni" gli Onorevoli Delfino, Nan e Pilo richiesero l'intervento dello Stato, ma posso chiedermi come e da chi i suoi contenuti vennero usati in più occasioni, chi furono i loro unici beneficiari e posso azzardare una risposta.

Nel 2005 venni a sapere che all'On. Delfino l'interpellanza era stata sollecitata da un seguace di Scientology, suo collega di partito piemontese e tecnico in almeno una commissione ministeriale, che a sua volta aveva ricevuto il testo, già redatto, dall'ufficio torinese del movimento. A darmi tali informazioni fu lo stesso giovane politico.

In base a una relazione accademica del dott. Introvigne del Cesnur, i Ministeri interpellati svolsero indagini giungendo alla conclusione che nessun funzionario era coinvolto nelle attività denunciate; Introvigne aggiungeva poi che i contenuti di "Tell it All" «sembravano totalmente incredibili e ovviamente inventati» [20]. Ma secondo una missiva della Segreteria Particolare dell'On. Delfino del 7 febbraio 2003 non vi sarebbe stata alcuna discussione e si suggeriva di ripresentare l'interpellanza [21].

Copia fotografica della lettera della Segreteria di Delfino, scritta in tono molto amichevole, è pubblicata su un ulteriore spazio Web anonimo che costituisce motivo di interesse.

Con il nome "Esti ora e d'accabbai" (che in lingua sarda significa "è ora di finirla") il sito si prefigge di smascherare i "crimini nascosti" di una serie di persone ritenute responsabili della riapertura delle indagini sulla morte di un giovane seguace cagliaritano di Scientology, suicidatosi nel 1997 ad appena 19 anni [22]. Il sito cerca quindi di demolire la reputazione dei genitori, del loro avvocato, del magistrato, del giudice e di chiunque a suo dire si sia occupato della vicenda. Ed è in questo spazio anonimo che viene riportata la lettera del segretario di Delfino, da cui è stato cancellato il nome del destinatario.

Il sito, per corroborare le sue affermazioni sul marcio «giudiziario-mediatico» di cui sarebbe stata intrisa l'intera vicenda giudiziaria cagliaritana, si rifà ampiamente ai contenuti bufala di "Tell it All", dando loro ampio risalto [23].

Il procedimento relativo alla riapertura del fascicolo sul suicidio del giovane sardo si è concluso in primo grado a fine 2004. L'allora responsabile della sede cagliaritana di Scientology, cugino della vittima, è stato condannato per estorsione in concorso con altre persone non identificate. L'imputato avrebbe costretto il ragazzo a versargli una ingente somma di denaro consegnatagli dal padre per altri usi, cosa che avrebbe scatenato una forte depressione nel ragazzo, alla base del suo atto auto distruttivo [24].

Per tornare al sito "Tell it All", quello secondo cui e secondo gli On. Delfino, Nan e Pilo avrei manovrato occultamente il Ministero dell'Interno, l'On. Violante, la Senatrice Levi Montalicini e Piero Angela, dopo essere rimasto online per 6 anni è definitivamente defunto nella primavera 2006, più o meno nel periodo in cui l'ufficio investigazioni della Chiesa di Scientology ebbe conferma della mia vera identità. Non vi illustro le molestie che ho subito nell'ultimo anno e mezzo, già oggetto di due denuncie penali e ampiamente descritte sul mio sito [25].

Capisco che, così come l'ho narrato, si tenderebbe a liquidare l'accaduto come semplice dabbenaggine dei parlamentari citati. Ciò che invece tengo a sottolineare è la capacità manipolativa, anche ad alto livello, del movimento.

Grazie per l'attenzione

Simonetta Po


Note:

1. xenu.com-it.net

2. Si veda: home.snafu.de/tilman/

3. Si veda: "Il lato oscuro di Scientology: 1975 - 1979".

4. Si veda: www.planetkc.com/

5. Si veda: "La Grecia chiude le porte a Scientology" e "New Order Mercenaries - The activities of extremist parareligions and SCIENTOLOGY", basato sui documenti sequestrati al movimento. Di Tony Bosnakoudis.

6. Si veda Scientology affronta accuse penali in Belgio.

7. Si veda: "Scientology: religione o servizio segreto?":

«il traguardo del Dipartimento [degli Affari di Governo, poi degli Affari Speciali] è portare il governo e le filosofie ostili o le societè in uno stato di completa accondiscendenza ai traguardi di Scientology. Si opererè con alti livelli di abilitè per il controllo e, in loro assenza, con bassi livelli di controllo per la sopraffazione. Introvertite queste agenzie, Controllate queste agenzie.» (rif. Hubbard, HCOPL, Dipartimento degli Affari di Governo, 15 Agosto 1960. Si veda anche Hubbard, HCOPL, Dipartimento delle Relazioni di Governo, 22 Agosto 1960 (Hubbard sembra fosse incerto sul nome del Dipartimento) e Hubbard, HCOPL, Dipartimento Speciale di Zona, 30 Agosto 1960.)

8. Si veda: www.cesnur.org

9. Si veda: "Rapporto 1999 del Consiglio d'Europa in materia di sette", e anche www.rickross.com

10. Si veda "Il processo di Milano: Indice dei documenti".

11. International Scientology News, N. 15, senza data, © 2001 CSI (Church of Scientology International). La didascalia della foto dell'On. Biondi così recita:

«"Sono veramente orgoglioso di essere amico della Chiesa di Scientology". Mr. Alfredo Biondi, Vice Presidente del Parlamento italiano, ha parlato all'inaugurazione della nuova org di Milano».
Qui la foto tratta dalla rivista.

12. www.icsahome.com.

13. www.icsahome.com/infoserv_conferences/.

14. Interpellanza 2-02507 del 29 giugno 2000 a firma On. Teresio Delfino (a tutt'oggi deputato, ed ex sottosegretario delle Politiche Agricole);
Interrogazione a risposta scritta N. 4-31755 del 3 ottobre 2000 a firma degli On. Enrico Nan (ancora deputato) e Gianni Pilo (non rieletto).
Si vedano i testi

15. Si veda mirror: www.kelebekler.com/cesnur/tell/tellitall/

16. Si veda mirror: www.kelebekler.com/cesnur/tell/tellitall/

17. I protocolli di trasmissione e-mail hanno parametri ben precisi che vengono stampigliati inequivocabilmente nell'intestazione dei messaggi. Tali intestazioni non venivano riportate da "Tell it All" salvo che per 4 righe che però risultavano essere assolutamente incompatibili con i sistemi di trasmissione. Si veda una breve analisi di tali discrepanze.

18. Diritti dell'uomo, Vol. XI pubblicazione N. 17, senza data, © 2000 CNSI (Chiesa Nazionale di Scientology Italia).

19. I dati rilasciati in fase di registrazione, infatti, risultavano essere falsi e/o inesistenti. Si veda qui una disamina.

20. "Religious Minorities and Anti-Cult Opposition. The Italian Situation in Comparative Perspective" di M. Introvigne, 2001, scaricato il 14/09/2007 presso http://www.cesnur.org/2001/mi_june02.htm

«In 2000, a self-styled "disgruntled former Italian anti-cultist" published an exposé and several documents on the controversial U.S. Web site tellitall.org (where anybody, it is claimed, is allowed to post all sorts of outrageous claims, with anonymity guaranteed). The claim was made that extreme Italian anti-cult Web sites (particularly the anti-Scientology site run by "Martini") are operated by a group involved in a number of illegal activities with the secret help of Ministry of Internal Affairs officials. The Church of Scientology called the attention of several MPs to the expose, and both a parliamentary discussion and an official investigation followed. The latter suggested that, contrary to the claims on tellitall.org (which appeared to be utterly unbelievable and obviously fabricated), no governmental officer has been shown to co-operate with the extreme anti-cult Web sites, and the concerned MPs were told that any illegal activity carried out by these Web sites will, in future, be monitored and prosecuted.»

21. Si veda http://web.tiscali.it/esti_ora/mail_delf.htm, scaricata il 14/09/2007 (qui l'immagine fotografica catturata il 19/09/2007):

«Invio copia dell'interpellanza, a suo tempo presentata alla Camera dei Deputati dall'On. Delfino, con preghiera di darne notizia alle persone che Ti hanno interessato in proposito.
L'interpellanza non è stata discussa e quindi si rende necessario ripresentarla. L'On. Delfino essendo stato nominato Sottosegretario, e tutt'ora in carica, non può, per prassi consolidata, presentare interrogazioni o interpellanze».

22. Si veda http://web.tiscali.it/esti_ora/, scaricato il 14/09/2007 (qui l'immagine fotografica catturata il 19/09/2007):

«Spiacenti, non possiamo tacere. Non davanti all'ennesima porcheria giudiziario-mediatica messa in atto da un pugno di individui sul cadavere di un ventenne sfortunato. Gente che non si fa scrupoli a strumentalizzare per i propri interessi la triste vicenda di un giovane cagliaritano suicida (R.D.) e la controversa notorietè di una setta americana (la Scientologia). Quali siano questi interessi loro lo sanno molto bene! Leggete qui la storia».

23. ibid, (qui l'immagine fotografica catturata il 19/09/2007)

«Le storie descritte da questo sito gettano una luce fosca sul palazzaccio di via Repubblica, ma si capisce che il redattore di queste storie non ha sentimenti amichevoli verso il Dottor Pani e colleghi, quindi abbiamo cercato ancora e abbiamo scoperto un sito americano chiamato "Tellitall".

«Tellitall letteralmente significa "dilla tutta". Un serbatoio informatico on line di notizie scandalistiche da tutto il mondo. A quanto pare, anche l'indagine cagliaritana ha avuto risonanze internazionali e ha trovato spazio in questo sito.

«Infatti, nella sezione italiana di Tellitall abbiamo trovato una storia molto interessante di un ex militante del movimento anti-sette. Questo pentito, aperti gli occhi sui retroscena delle attivitè del movimento, ha deciso di uscirne portando con sé la documentazione che proverebbe l'esistenza di un'associazione per delinquere (vedi lettera di presentazione della sezione italiana di Tellitall).

«Stando a questi documenti i protagonisti del movimento anti-sette, nascondendosi dietro pseudonimi, non sono altro che un gruppo di delinquenti che usa ogni mezzo, lecito o meno, per togliere di mezzo personaggi o gruppi scomodi, nella fattispecie guarda caso proprio la setta americana scientologica. TORRA! (ndt: aridaglie!).

«Tanto lerciume ha suscitato l'indignazione di diversi parlamentari che, in merito al contenuto del sito, hanno presentato due interrogazioni parlamentari molto severe.

«Altra stranezza: sebbene il contenuto delle interrogazioni denunciasse gravissime interferenze indebite in procedimenti giudiziari (incluso quello di Cagliari!!!), ad opera anche di un funzionario del Ministero dell'Interno, il governo in carica, nella persona dei rappresentanti dei dicasteri interrogati, compreso quello dell'Interno, ha preferito ignorare quanto veniva denunciato.
In conclusione, questi documenti non sono MAI STATI SMENTITI!!!

«In seguito alla pubblicazione del nostro sito, uno dei "protagonisti" della cricca di cui "Tellitall" denuncia l'esistenza, un certo Martini (altro pseudonimo), gestore del sito "Allarme Scientology" ci ha mandato un e-mail, segnalandoci una pagina Web nella quale si affermava che era stata data risposta ad una delle due interrogazioni parlamentari qui riportate, quella dell'On. Teresio Delfino.

«Noi, fedeli al nostro stile, siamo andati alla fonte scrivendo un e-mail direttamente al parlamentare interessato, il quale ha affermato chiaramente di non aver ricevuto nessuna risposta alla sua interrogazione: ecco a voi la risposta della segreteria dell'On. Delfino, e visto che l'interpellanza non è stata discussa si rende necessario ripresentarla.

«Pertanto, alla luce di questi fatti, rimaniamo del nostro avviso e ribadiamo che il contenuto del sito americano "Tellitall" non è stato ancora smentito».

(segue riassunto dei contenuti di tellitall e del presunto complotto ai danni di Scientology)

24. Si veda il testo della sentenza.

25. Si veda: "Scientology, la critica, gli investigatori e la diffamazione".

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it