In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
In che modo la Chiesa di Scientology si è fatta strada tra i politici

Tratto da This is London del 12 gennaio 2007.

Traduzione di Martini, febbraio 2007.

 

Ieri sera la controversa setta di Scientology è stata accusata di aver cercato di infiltrare la politica britannica, quando è emerso che ha pagato migliaia di sterline sia al Partito Laburista che al Tory.

Membri del comitato dirigente laburista, di cui fa parte anche Tony Blair, hanno approvato il pagamento di una onlus risultata strettamente collegata alla la Chiesa di Scientology, la quale vanta tra i suoi membri le star Tom Cruise e John Travolta. I laburisti hanno concesso all'ente, la Association for Better Living and Education (ABLE), di pagare tra le 3.500 e le 13.500 sterline per poter allestire uno stand al convegno annuale del partito a Manchester. Anche la dirigenza Tory ha approvato un suo stand al ritrovo annuale di Bournemouth.

Ma i parlamentari hanno espresso preoccupazione quando è emerso che si trattava di una vasta operazione di lobbying dei membri di Scientology per promuovere il Narconon, il loro programma disintossicante, e il Criminon, destinato ai carcerati.

La "religione" fondata dallo scrittore di fantascienza L. Ron Hubbard fu a suo tempo definita "corrotta, sinistra, immorale e pericolosa" dal Giudice Latey della Corte Suprema. E il Ministero dell'Interno ha rifiutato di approvare il Narconon in quanto «non soddisfa gli standard minimi di trattamento. Non è mai stato sovvenzionato dal Servizio Carcerario». Ma documenti rilasciati in base al Freedom of Information Act hanno rivelato che Graeme Wilson, capo portavoce degli scientologist in Gran Bretagna, incontrò la baronessa Scotland - all'epoca ministro dell'Home Office - a Manchester. Poi scrisse al Consiglio dei Ministri invitandone i membri all'apertura della nuova base di Scientology a Londra. Il Ministro per le Droghe Vernon Coaker declinò l'invito a causa di "impegni già in agenda".

Norman Baker, parlamentare liberal-democratico, ha commentato: «Nella migliore delle ipotesi Scientology è una setta dubbia e preoccupa che pare abbia infiltrato in questo modo sia i laburisti che i tory. Dimostra semplicemente che alcuni politici sono disposti a prendere soldi da chiunque. Vista la storia di trame di Scientology non sorprende che abbia collegamenti con questo governo laburista».

Un portavoce laburista ha insistito che il pagamento è stato semplicemente una transazione di affari e non costituisce una donazione al partito. Ha aggiunto che «L'approvazione di un'organizzazione che desidera partecipare ai convegni è concessa dopo attenta valutazione da parte del consiglio NEC. Ci riserviamo il diritto di escludere un'organizzazione, ma in questo caso l'approvazione è stata concessa. Ogni anno gli espositori rappresentano una vasta gamma di opinioni e punti di vista, e le loro politiche non sempre riflettono quelle del Partito Laburista». A sua volta un portavoce Tory ha detto che «Ai nostri convegni molte organizzazioni diverse affittano spazi espositivi. Come i laburisti, anche noi ci riserviamo il diritto di esclusione. In questo caso abbiamo concesso al Narconon di affittare uno stand per presentare il loro lavoro sulle tossicodipendenze».

Critici del Narconon sostengono che si tratta di un gruppo di facciata di Scientology. Il programma, che usa gli insegnamenti di Mr. Hubbard per togliere il vizio della droga, si finanzia con le rette dei partecipanti, 15.000 sterline per un corso di sei mesi. Ma il sito Web di ABLE, l'associazione no profit che c'è dietro, ammette di «ricevere molto sostegno dagli scientologist e dalle chiese di Scientology». Un portavoce della Chiesa di Scientology ha sostenuto che il programma di trattamento, che fa "passare la scimmia" ai pazienti, ha un tasso di successo del 75-80%.

Nel 2001, però, Il sindaco di Londra Ken Livingstone vietò agli scientologist di pubblicizzarlo durante un evento a Trafalgar Square. Lo liquidò come «un programma privo di basi mediche che, mi dicono, potrebbe essere pericoloso» e «un falso programma medico che preoccupa molti professionisti del campo».

L'ex ministro Tory John Gummer ha detto che l'Home Office non dovrebbe avere nulla a che fare con Scientology, aggiungendo che «hanno spesso presentato la loro visione mascherandosi da qualche tipo di ente benefico. Chi è più vulnerabile dovrebbe anche essere più protetto».

Le rivelazioni sono giunte dopo che il Daily Mail ha scoperto che gli scientologist avevano infiltrato la polizia della City di Londra distribuendo agli agenti regali del valore di migliaia di sterline. Il gruppo - valutato nel mondo 200 milioni di sterline - aveva regalato inviti a prime cinematografiche e a una cena di beneficenza che vedeva Tom Cruise come ospite d'onore, e il cui ingresso costava 500 sterline a testa [1].

La Commissione per la Beneficenza [britannica] ha rifiutato la registrazione della Chiesa di Scientology, più volte accusata di adescare e manipolare i nuovi membri per far loro spendere migliaia di sterline in corsi di Scientology. Nel 1994 la Corte di Appello della California accettò che le tecniche di Scientology costituiscono "lavaggio del cervello" e "riforma del pensiero".

Un portavoce di Scientology ha dichiarato: «Rendere noti i nostri programmi ai vari membri del parlamento e al loro staff è nostra responsabilità. A livello internazionale, il Narconon gestisce ora 184 centri in 44 paesi. Contrariamente alla propaganda corrente, il Narconon ha basi totalmente scientifiche [2]. Molti dell'Home Office non hanno avuto l'opportunità di fare visita al Narconon, perciò aleggia la discriminazione derivante dalla propaganda del passato. Al Narconon c'è soltanto un membro dello staff che è anche scientologist. Si tratta di un programma laico che accetta chiunque, di qualsiasi religione. Non predica alcuna religione e ha una politica contraria alla discussione della religione con gli studenti. Nessuno dei diplomati diventa scientologist ma se dovesse accadere sarebbe soltanto una loro scelta. Sottintendere che se dovesse succedere sarebbe sbagliato non ha senso».


Note di Martini:

1. Si veda: Lasciate che piova: il bel mondo di Scientology si unisce ai seguaci per lanciare il nuovo centro nel cuore della City

1. Molto diversamente la pensano in California, dove il programma è stato proibito nelle scuole per la sua mancanza di scientificità. Per approfondimenti si veda qui.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it