In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
La Chiesa di Scientology

Di James E. Adams e Elaine Viets. Serie di 5 articoli pubblicati nel marzo 1974 dal quotidiano Saint Louis Post Dispatch, USA, ripresi dal sito Scientology Lies.

Traduzione a cura di Martini, aprile 2007.

 
Quella che segue è una interessantissima serie di articoli sulla creatura di L. Ron Hubbard pubblicata a Saint Louis nel lontano 1974. Da allora sono trascorsi ben 33 anni e la domanda che sorge spontanea è: in questo lungo lasso di tempo le cose sono cambiate?

Quando gli scientologist cercano di recuperare un seguace che si è allontanato sono soliti raccontargli che sì, forse qualche errore è stato fatto, ma le cose sono cambiate e le storture sono state corrette.

Lascio a voi giudicare se certi sistemi e pratiche della Chiesa di Scientology, quelli poi che l'hanno resa uno dei movimenti più criticati e controversi del mondo occidentale, sono davvero cambiati.

Martini



Spiritualità a caro prezzo

La Chiesa di Scientology del Missouri, una delle filiali della controversa organizzazione che promette ai propri seguaci la totale libertà spirituale, ha aperto i battenti nel 1969 in un piccolo ufficio di Brentwood con sei membri dello staff. Oggi la chiesa ha 150 dipendenti e sta per trasferirsi dalla sede in affitto di due piani al 4225 di Lindell Boulevard a un edificio ancora più grande, in proprietà, al 3730 di Lindell. Per un onorario che può raggiungere i 5700 dollari, in una settimana normale il suo staff tiene corsi di illuminazione e di miglioramento a circa 250 studenti. Funzionari di Scientology sostengono che le entrate lorde settimanali ammontano a circa 20.000 dollari.

Una crescita del genere è caratteristica delle unità di Scientology. Tra Stati Uniti, Canada, Inghilterra, altri paesi anglofoni ed Europa pare ne esistano oltre 300. E dopo più di un decennio di crescita Scientology continua a generare controversia.

Gli scientologist hanno problemi di credibilità in molti ambiti. Gli esterni non accettano Scientology come religione. Professionisti nel campo dell'assistenza, come il Dr. Conrad Sommer, psichiatra e docente al Eden Theological Seminar, sono scettici sul valore durevole dei metodi pseudoterapici di Scientology.

Note direttive provenienti dall'ufficio del fondatore, L. Ron Hubbard, non hanno dissipato la reputazione di Scientology di essere una società paramilitare che si prende con estrema serietà messianica. Tale reputazione è in parte incoraggiata da pratiche quali la catalogazione di persone critiche o problematiche come "soppressive", "traditrici" o addirittura "nemiche". Continuano a pervenire resoconti di molestie contro i critici o contro chi ha abbandonato.

Fino alla sua recente campagna contro presunti abusi di sperimentazione farmacologica al criticato Istituto di Psichiatria del Missouri, Scientology aveva attirato poca attenzione da parte di chiese, scuole, agenzie della salute pubbliche e private e autorità governative del Missouri. Ma a Saint Louis un numero sempre crescente di genitori e parenti di giovani convertiti ha avuto esperienze spiacevoli e strazianti, spesso molto costose, con Scientology. La chiesa è stata anche amaramente criticata da alcuni disillusi che l'hanno denunciata come una organizzazione opportunista ossessionata unicamente dalla sua crescita e dall'aumento di prestigio e potere.

Almeno due famiglie hanno presentato denuncia presso la divisione della protezione dei consumatori della Procura Generale del Missouri. Una donna ha raccontato le difficoltà del figlio 20enne che lo scorso anno raggranellò, nel giro di cinque mesi, oltre 4000 dollari per i programmi di Scientology.

Altre famiglie hanno raccontato al Post-Dispatch di presunte tecniche ad alta pressione per reclutare e mantenere membri. Pare che alcuni aderenti siano stati indotti a contrarre debiti o a vendere la macchina per finanziare il proseguo dei corsi di Scientology, o abbiano abbandonato il lavoro per poter diventare staff a tempo pieno dell'organizzazione.

Alcuni critici - come un uomo di mezz'età di St. Louis che ha speso 10.000 dollari per servizi di alto livello di Scientology - difendono la validità della sua "tecnologia spirituale". Ma hanno dichiarato che i gruppi di Scientology stanno danneggiando se stessi con l'uso troppo approssimativo della "tecnologia", l'eccessiva commercializzazione e l'uso del suo sistema "etico" per istillare fobie piuttosto che comprensione.

Robert Kaufman, un musicista di New York, nel suo libro "Inside Scientology" conclude che il sistema dell'organizzazione è pericoloso per lo spirito umano perché è vergognosamente assolutista. Kaufman sostiene di essere stato portato sull'orlo della pazzia e del suicidio dopo aver speso 8000 dollari su programmi avanzati di Scientology negli Stati Uniti e in Inghilterra.

Il seguace viene sedotto al punto di credere che qualcuno o qualcosa può fornire risposte preconfezionate a tutti i problemi della vita, e quando alla fine non riesce a risolvere quei problemi e a mettere in pratica quelle risposte viene spinto sempre più profondamente nel senso di colpa e di paura, scrive Kaufman. Alla fine Scientology porta a sentirti colpevole solo perché sei un essere umano con dei problemi, delle tentazioni e delle incertezze, conclude.

Ma per ogni dissenziente Scientology enumera numerosi devoti entusiasti. L'unità di St. Louis nei suoi archivi conserva centinaia di testimonianze di membri e studenti. Racconti che vanno da un semplice "Wow!" a sofisticati encomi scritti da dirigenti.

Scientology (letteralmente "studio della conoscenza") si definisce una "filosofia religiosa applicata" o una "tecnologia spirituale". Essa promette di aiutare a capire e comprendere, e poi di vivere appieno, la propria natura spirituale. Per raggiungere questo scopo l'individuo verrebbe liberato da problemi emotivi - e a volte anche fisici - attraverso una serie di corsi prestabiliti, discipline e sedute pseudo terapiche chiamate "auditing".

Gli "auditor" o assistenti di Scientology che non necessitano di formazione esterna e spesso non ne hanno alcuna, usano uno strumento chiamato E-Meter per sondare i problemi emotivi dell'individuo. Un E-Meter, il cui funzionamento ricorda una macchina della verità, è uno strumento elettrico portatile delle dimensioni di una scatola da sigari. L'individuo tiene in mano due leggere lattine metalliche collegate al misuratore, ai quadranti e a una lancetta. Risponde quindi a una serie di domande, alcune di natura profondamente personale, mentre l'auditor osserva le sue reazioni sul meter. Secondo gli scientologist, se tutte le condizioni sono ideali lo strumento non può fallire nella scoperta di problemi psicologici.

Scientology ha adottato definizioni e simboli di altri gruppi religiosi, tra cui l'uso del titolo di "Reverendo", di collarini clericali e di formule liturgiche per matrimoni e funerali. I ministri ordinati possono celebrare matrimoni in diversi stati. Tuttavia Scientology non ha dogmi standardizzati sull'Essere Divino o preghiere e riti liturgici convenzionali.

Nonostante anni di cause legali, l'Internal Revenue Service e la gran parte degli stati americani rifiutano di concedere a Scientology l'esenzione fiscale sul reddito, ma Missouri ed altri la hanno esentata dal pagamento dell'IVA.

Il fondatore Hubbard, ex scrittore di fantascienza, si è ufficialmente ritirato dalla direzione dell'organizzazione ma resta in contatto con tutte le unità di Scientology attraverso un sistema telex internazionale che porta quotidianamente le sue direttive e i suoi aforismi nelle diverse sedi (un esempio: "il modo per combattere l'inflazione è di fare più soldi").

I leader locali di Scientology sostengono che le questioni direttive sono state assunte da un consiglio di direttori con sede al Maniero di Saint Hill, vicino Londra. Tuttavia esistono indizi che Hubbard mantenga un controllo stretto sulla sua organizzazione e continui a ricevere grosse somme di denaro.

Isolatisi da oltre sei anni sia dalle critiche che dai seguaci, Hubbard e i suoi luogotenenti di più alto livello incrociano tra i porti portoghesi e marocchini a bordo di una nave chiamata "Apollo", l'ammiraglia di una flotta che Hubbard ha battezzato Sea Organization.

La Sea Org - come la chiamano gli scientologist - è il corpo elitario di lavoratori e funzionari che firma, all'atto dell'ingresso, un contratto simbolico da "un miliardo di anni". L'appartenenza non è tuttavia limitata al servizio sulle navi.

Hubbard rifiuta di apparire in pubblico e di rispondere alle domande sulla sua organizzazione.

Ma i suoi portavoce locali difendono Scientology come religione legittima - sebbene diversa dalle altre. Dicono che si tratta di una religione che opera per rendere i suoi membri più sani, ricchi, felici e produttivi. Riconoscono che sostenere di essere una religione crea problemi, ma dicono di doverlo fare perché è vero.

Sostengono poi l'inesistenza di direttive relative a forti pressioni o inganno per quanto riguarda affiliati, tariffe o vantaggi, ma concordano che vi sono stati casi isolati di errori da parte di personale troppo entusiasta, sottolineando che sono casi che possono verificarsi in qualsiasi gruppo.

Affermano che le unità di Scientology controllano e aggiornano costantemente le tecniche di "auditing" a beneficio degli studenti, che non esiste ossessione per la crescita e l'espansione e che paure e fobie non sono parte integrante dei sistemi di Scientology.

La Reverenda June M. Lake, presidente e direttrice della org di St. Louis, termine usato per intendere un'organizzazione locale, in una recente intervista ha dichiarato che la chiesa, preoccupata più che altro di perfezionare la tecnologia, ha trascurato le pubbliche relazioni «e abbiamo scoperto il fianco alle pallottole». Le parcelle richieste sono necessarie per mantenere e far crescere il movimento, e anche per questioni psicologiche. Dice infatti che gli studenti, in particolare quelli più giovani, saranno più dedicati se per frequentare un programma dovranno pagare.

Il Reverendo Frederick M. Rock, direttore locale delle pubbliche relazioni, ha spiegato che i corsi di Scientology corrispondono a un programma accelerato di formazione seminarile - costoso di primo acchito ma a buon mercato se paragonato a un programma quadriennale presso un seminario teologico.

Abbiamo chiesto al Rev. Rock perché le unità locali e internazionali non pubblichino rendiconti finanziari completi come fanno quasi tutte le altre chiese o organizzazioni no profit. Ha risposto che è una buona idea e che progettava di discuterne con i funzionari nazionali di Scientology.

Il denaro è soltanto uno dei molti dettagli che i funzionari del gruppo rifiutano di documentare. Miss Emily Watson, una "guardiana" di vertice dell'ufficio di Los Angeles, di recente è stata qui per promuovere una miglior comprensione di Scientology. Ha fornito caterve di materiali promozionali ma fino ad ora ha rifiutato di inviare al Post-Dispatch un semplice elenco delle unità presenti negli Stati Uniti, loro dimensioni e bilanci.

Inoltre la Delta Meter Corp. di Los Angeles, che ha un contratto in esclusiva per la produzione degli E-Meter negli Stati Uniti, ha rifiutato, dopo due telefonate, di fornire un qualsiasi dato statistico.

Perciò le domande su Scientology restano. Quant'è grande il network di Scientology? Quanto è ricco? Chi è Hubbard e quali sono i suoi reali rapporti religiosi, finanziari e gestionali con Scientology?

In sostanza, Scientology è un'impresa commerciale, educativa o religiosa? Chi, oltre agli scientologist, risponde e garantisce per i suoi metodi? La loro "tecnologia spirituale" sopravviverà alla prova del tempo? Oppure Scientology è essenzialmente una moda che svanirà o collasserà quando i tempi duri che stiamo attraversando si stabilizzeranno?



Il fondatore eremita di Scientology

«Scrivere per un centesimo a parola è ridicolo. Se un uomo volesse davvero fare un milione di dollari, il modo migliore sarebbe fondare la propria religione»
- L. Ron Hubbard, Fondatore della Chiesa di Scientology

Lafayette Ronald Hubbard fece questa osservazione a una conferenza a Newark, N.J., nel 1949. All'epoca Hubbard era un 38enne prolifico scrittore di fantascienza che dava consigli ai fanatici del settore sui trucchi del mestiere. Il pubblico rise.

Un anno dopo Hubbard pubblicò Dianetics: Scienza Moderna della Salute Mentale [pubblicato in Italia con il titolo "La forza del pensiero sul corpo" - N.d.T.]. Il libro raggiunse le vette delle classifiche dei best-seller e, all'inizio degli anni '50, un certo seguito. Sebbene gli scientologist lo neghino, il libro sembra essere la base di molta della teoria e della pratica di Scientology. Sei anni dopo la battuta alla conferenza del New Jersey, Hubbard fondò la sua organizzazione, che ebbe successo ed è solvente, aprendo a Washington la Founding Church.

Hubbard trasformò Scientology in religione appena in tempo. La Food and Drug Administration stava conducendo delle indagini sull'E-Meter di Hubbard, un primitivo poligrafo utilizzato in Scientology per dare assistenza agli studenti. La FDA sequestrò 100 E-Meter e decretò che certe affermazioni al suo proposito erano «false e fuorvianti».

Gerhard A. Gesell, giudice distrettuale degli Stati Uniti per il distretto di Columbia, in una sentenza del luglio 1971 concordò che i benefici sostenuti per l'auditing grazie all'E-Meter erano «falsi - in breve, una truffa». Ma il giudice Gesell disse che i diritti costituzionali garantiti alla libertà di religione lo obbligavano a negare al governo la richiesta di distruzione delle apparecchiature. Per cui l'organizzazione di Hubbard fu tecnicamente riconosciuta come religione protetta dal Primo Emendamento, e l'E-Meter diventò un "aiuto confessionale".

La chiesa crebbe rapidamente. Nel 1959 Hubbard e la sua terza moglie, Mary Sue Whipp, si trasferirono in Inghilterra. Acquistarono la magione di un marajà, il Maniero di St. Hill, e lo trasformarono nel quartier generale internazionale della chiesa e nel College di Scientology. Gli scientologist di tutto il mondo cominciarono a confluire a St. Hill per i corsi avanzati.

Ma in Inghilterra la chiesa incontrò delle difficoltà. Nel 1968 il Ministero della Salute privò il College di Scientology e tutte le sue altre sedi britanniche dello status di istituzioni educative. Agli stranieri venne proibito l'ingresso in Gran Bretagna per seguire o insegnare Scientology.

La polemica non arginò la crescita del movimento. Esso promette ancora "libertà spirituale totale" e sostiene di avere più di 300 organizzazioni tra Stati Uniti, Canada, Sud Africa, Messico e in altri paesi. L'organizzazione di St. Louis al 4225 di Lindell Boulevar conta ora uno staff di 150 persone ed entrate settimanali per 20.000 dollari.

Hubbard e i leader della chiesa asseriscono che egli si è dimesso dalla direzione della chiesa, ma quelle dimissioni sembrano avere fatto poca differenza. In una "policy letter" datata 1 settembre 1966 la questione venne formulata in modo ambiguo. Hubbard diceva che si stava «dimettendo dal titolo di direttore esecutivo» e veniva insignito del titolo di "Fondatore". Nella sua dichiarazione Hubbard diceva che per un certo periodo i suoi servigi erano stati devoluti volontariamente, ma che le organizzazioni della chiesa gli dovevano «una somma di denaro decisamente considerevole» che dovevano quindi pagargli.

Nella chiesa l'autorità di Hubbard non è messa in discussione. Il Fondatore si mantiene in comunicazione costante inviando alle organizzazioni un flusso ininterrotto di direttive, ordini e policy letter, e le unità gli mandano rapporti settimanali. E i messaggi di Scientology resi disponibili al Post-Dispatch mostrano che egli riceve soldi dalla chiesa - un sacco di soldi.

Ad esempio, un messaggio per Hubbard inviato dall'organizzazione di Toronto, datato 4 ottobre 1972, sei anni dopo le dimissioni di Hubbard, dice che l'unità di Toronto «ripagherà LRH (L. Ron Hubbard) personalmente per ciò che egli ha fatto per noi. Dobbiamo a Ron per royalty d'autore, per la tech (tecnologia) di Dianetics e Scientology, per la ricerca e lo sviluppo e per le spese correnti... gli dobbiamo un totale di 79.358,32 dollari (day org) e 85.027,13 dollari (Fnd)... per gli ultimi cinque anni» (Fnd significa Fondazione).

Dopo le difficoltà incontrate nel 1968 in Inghilterra, Hubbard si proclamò commodoro di una flotta di quattro natanti e si diresse verso le calde acque del Mediterraneo. Rifiutò di rilasciare interviste e da allora, da oltre sei anni, si è isolato da stampa, critici e seguaci.

Gli spostamenti della flotta sono segreti. Per quanto se ne sa Hubbard e i suoi più alti luogotenenti stanno incrociando tra un triangolo di amichevoli porti marocchini e portoghesi su un ex traghetto bestiame ribattezzato Apollo. La nave da 3000 tonnellate è l'ammiraglia della Sea Organization. La Sea Organization è un corpo elitario semi segreto di scientologist che firmano un contratto per i "prossimi miliardi di anni".

La Sea Organization è l'aristocrazia di Scientology. Diana, figlia di Hubbard, tenente comandante, sostiene che la Sea Organization è «l'organizzazione più potente del mondo».

L. Ron Hubbard Junior, il figlio ribelle di Hubbard che lasciò il gregge di Scientology per poi farvi ritorno, descrisse la Sea Organization come «la guardia personale militante di L. Ron Hubbard. Costituisce anche l'equipaggio delle sue navi e fa rispettare le sue direttive alle altre organizzazioni di Scientology».

I dettagli delle attività della Sea Organization e le dicerie sulla vita opulenta di Hubbard a bordo della nave sono stati difficili da documentare a causa della rigida sicurezza mantenuta da Scientology. Negli ultimi mesi, però, un ex membro della Sea Organization, John McLean di Toronto, Canada, ha fornito il primo racconto dall'interno della vita a bordo. McLean, 21 anni, era ufficiale di seconda sull'Apollo quando se ne andò disilluso.

«Dopo essere diventato ufficiale in seconda cominciai a ricevere dati confidenziali e mi resi conto che la Chiesa di Scientology è affamata di soldi e potere» ha dichiarato al Post-Dispatch in una lunga intervista. «L'ufficiale in seconda è incaricato del collocamento del personale, delle comunicazioni interne e dell'etica, o disciplina, di chiunque sia a bordo. Ero in comunicazione diretta con Hubbard» ci ha detto.

Secondo McLean a bordo vi sono 300 membri dell'equipaggio e «vengono costretti a lavorare per paura. Ero terrorizzato all'idea di essere estromesso dal mio lavoro o trasferito a un incarico schifoso, o che mi costringessero a fare progetti di ammenda (punizioni). La paura è molto, molto sentita e presente. Hubbard ci ha anche scritto un libro. È praticamente un maestro della paura».

McLean descrive Hubbard come un uomo di circa 65 anni, basso e grasso, sui 120 chili. Ha perso i denti ed è spesso malato. Va soggetto a cambi di umore incontrollati. «A bordo, Hubbard ha il meglio di tutto» ha raccontato. «Ha automobili, tre motociclette, un impianto stereo, cibo e vestiti migliori, un cuoco, un maggiordomo, un appartamento privato» Vivono sull'Apollo anche la moglie Mary Sue e alcuni dei suoi figli: Diana e il marito John Horwich; Quentin, 19 anni, Suzette di 17 e Arthur, di 13.

McLean era in Scientology da appena pochi mesi quando fu reclutato nella Sea Organization - un onore per uno scientologist. Corrisponde all'equivalente di un figlio che si fa prete in una famiglia cattolica osservante. La madre di McLean era un membro dello staff e un ministro ordinato della Chiesa di Scientology di Toronto. Reclutò anche l'altro figlio, Bruce, e la moglie Dawn nello staff di Toronto. Il marito Eric, ex ufficiale della Royal Canadian Air Force, iniziò a fare corsi di Scientology. Da allora tutta la famiglia ha lasciato Scientology.

John McLean studiava con profitto a Sutton West, Ontario, vicino a Toronto. Abbandonò la scuola superiore per entrare nella Sea Organization. Salì a bordo dell'ammiraglia Apollo a Tangeri, Marocco, il 19 febbraio 1971. Nel maggio 1972 scalò presto i ranghi fino a diventare ufficiale in seconda, per poi lasciare la nave il 9 novembre 1972.

La Sea Organization, ha detto McLean, ha una flotta di quattro imbarcazioni: la Apollo, la Athena, che incrocia nei pressi di Copenaghen, la Bolivar e la Excalibur, entrambe di stanza sulla costa occidentale degli Stati Uniti.

Nel periodo in cui McLean soggiornò a bordo, la Apollo incrociava su un circuito triangolare che partiva da Tangeri per proseguire verso Casablanca, Safi e Agadir in Marocco, poi verso l'isola di Madera e via verso Lisbona e Faro, in Portogallo.

L'Apollo non pratica apertamente Scientology, ha dichiarato McLean. Si nasconde dietro un'organizzazione di copertura, la Operation and Transport Corporation, Ltd, che dichiara di formare personale per organizzazioni affiliate nel settore del management.

«In realtà tutti provengono da organizzazioni di Scientology e salgono a bordo per addestrarsi nella tecnologia di Scientology» ha detto McLean. «A nessuno che non sia scientologist è permesso vivere a bordo. Ma i funzionari dei governi marocchini e portoghesi credono che la nave appartenga a un'azienda di formazione professionale.

«Uno dei miei incarichi a bordo consisteva nel mantenere una sicurezza rigida. Quando qualche funzionario saliva a bordo si doveva ripulire la nave. Qualsiasi cosa avesse a che fare con Scientology doveva essere rimossa dalle pareti, libri e documenti venivano nascosti e si tiravano fuori dei pacchi di materiali diversi, giusto per l'occasione. Sono pacchi di documenti che hanno a che fare con la gestione aziendale. Ai nuovi arrivati a bordo non era permesso scendere a terra fino a che non avesse superato un esame sulla "shore story", la "storia di terra" [bugia - N.d.T.], in modo che non sfuggisse detto che eravamo scientologist. Quando i membri dell'equipaggio erano a terra non dovevano parlare o avere nulla a che fare con Scientology».

La vita a bordo era di una qualità surreale, ha dichiarato il ragazzo. Si parlava di grosse somme di denaro, commenti casuali di impadronirsi di intere nazioni e di acquisizioni di proprietà. In una delle comunicazioni quotidiane all'equipaggio, ha raccontato McLean, Hubbard fece un gioioso resoconto dei totali della settimana citando entrate per centinaia di migliaia di dollari.

Un rapporto su alcune delle nuove proprietà di Hubbard si conclude con questa affermazione: «Possediamo davvero un sacco di proprietà in tutto il mondo e ne stiamo acquisendo altre, e anche alcuni paesi».

Un errore? Un refuso? Semplici vanterie? Forse, ma McLean non lo crede. «Non sottovalutate Hubbard» ha commentato.

«Hubbard ha il controllo totale della chiesa» ha aggiunto, «e sta ancora ricevendo denaro dalle organizzazioni locali. La chiesa è ricca. Ritengo che al momento del mio abbandono il reddito annuo si aggirasse tra i 60 e gli 80 milioni di dollari. Ne maneggiai personalmente almeno 500.000, quando ero a bordo».

McLean possiede documenti a sostegno delle sue stime. Uno di essi, ad esempio, mostra un messaggio proveniente da un'organizzazione di Los Angeles. «Perciò il nostro omaggio per voi, Signore, per Mary Sue e Flag è di circa 400.000 dollari. Ci spiace che non sia un bouquet con un milione di boccioli...»

Si dice anche che Hubbard mantenga il potere sulla vita di chi lascia la chiesa. «Viene detto che chi si mette contro Scientology non vivrà una vita felice e serena» ha raccontato McLean. «Lo so bene, perché istillavo quella paura a chi lasciava la nave.

«Quando ero ufficiale in seconda, chi se ne voleva andare doveva firmare un documento in cui si impegnava a non parlare di Scientology, della Sea Organization, degli spostamenti della nave e dello stesso Hubbard. Poi doveva firmare un "pagherò" per tutti i soldi che la Sea Organization rivendicava, e promettere di non fare causa a Scientology per il denaro che, secondo lui, l'organizzazione gli doveva. Infine doveva firmare un documento in cui dichiarava che: "ho sottoscritto il mio contratto con la Sea Organization senza intenzione di rispettarlo" ».

McLean ha raccontato di essere riuscito ad andarsene senza firmare alcun documento. «Ritengo di poter parlare di Scientology proprio per questo. Credo di essere il solo membro della Sea Organization che parla della sua esperienza. Gli altri hanno firmato quei documenti e temono molestie e recriminazioni.

« Dopo aver lasciato la nave, per nove mesi non sono stato in grado di lavorare. A livello emotivo non ero sufficientemente stabile da poter fare altro salvo cercare di fermare Scientology che frattanto attaccava la mia famiglia. Ero in cura da un medico e ho preso dei tranquillanti. Ora» ha proseguito, «sto meglio. Ho smesso i tranquillanti ma la mia vita non è ancora tornata alla normalità. Vengo ancora molestato. La mia famiglia è stata querelata per 1 milione di dollari per un programma televisivo su Scientology a cui abbiamo partecipato. Mi aspetto ulteriori problemi».

Per mesi la famiglia McLean è stata un bersaglio di Scientology. Davanti casa si sono trovati per due volte manifestanti della Chiesa di Scientology di Toronto. La chiesa ha tenuto una cerimonia funebre per le "anime perse" della famiglia di Eric McLean. Gli scientologist hanno portato in giro per tutte le strade di Sutton una bara nera.


Vai agli altri articoli della serie

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it