In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
I Segreti dell'Universo

The Wall Street Journal, 24 Febbraio 1998.

Review & Outlook, pagina 24. Traduzione a cura di Harry.

Non ci dovrebbe essere granché motivo per il mondo di preoccuparsi di una minuscola setta convinta che thetan invisibili risalenti a 75 milioni di anni fa stiano fluttuando attorno alle nostre teste. La ricerca del significato della vita nella vastità dell'universo preoccupa la maggior parte della gente, prima o poi, sebbene di solito si finisca per ritrovarsi in un luogo di culto, in terapia o nel locale negozio di liquori. 

Quando tuttavia si comincia a far visita al Consigliere per la Sicurezza Nazionale, potrebbe essere giunto il momento di una verifica seria. Alcune delle più strane conversazioni del giorno riguardano l'incontro di Sandy Berger con John Travolta, che assieme a Tom Cruise è il principale lustro del movimento di Scientology. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, professava di credere che il malvagio dittatore galattico Xenu avesse trasportato thetan congelati a Teegeack, meglio conosciuta come pianeta Terra, lasciandoli precipitare dentro vulcani, polverizzandoli con bombe all'idrogeno e mandandoli alla deriva [contenuto di Thetan Operante III]. Ormai pare che non si possa comprendere l'universo senza infiltrare l'influenza dei thetan nella Casa Bianca, i palazzi del Congresso e il cuore melmoso dell'IRS [ente fiscale americano]. 

Travolta ha portato di nuovo la setta alla nostra attenzione grazie a un articolo apparso sulla rivista George, dove si racconta come l'attore e il Presidente degli Stati Uniti si siano divertiti e apparentemente abbiano entrambi tratto beneficio da un incontro tenutosi la scorsa primavera in occasione di una conferenza di volontariato a Philadelfia. L'attore si trovava lì per tenere un discorso sui materiali educativi di Scientology. Quel che sembrava preoccupare il Presidente, suggerisce Travolta, era lo schermo gigante occupato da Jack Stanton, il Presidente Clintoniano in "Primary Colors" - il film che Travolta stava per cominciare a girare, essendosi ritagliato per sé un appropriato ruolo presidenziale. È verosimilmente improbabile che un film diretto da Mike Nichols voglia ritrarre Stanton/Clinton come qualcosa di diverso da un affascinante furfante e un astuto manipolatore. Ma la prospettiva di un grande Valentino cinematografico si è fatta sempre più probabile non appena Clinton ha avuto modo di intuire la preoccupazione di Travolta. E gli ha detto che avrebbe fatto il possibile per lenirla. 

Che cosa angustia Travolta? Il governo della Germania, ecco cosa. Come gli Stati Uniti prima di un accordo sulle tasse del 1993, che misteriosamente concedeva alla setta lo stato di esenzione come religione, la Germania considera Scientology un business amministrato da estremisti, e ha messo la chiesa sotto sorveglianza. Assistiti da fuoriusciti terrorizzati, i tedeschi hanno addotto come motivazione il fatto che Scientology sfrutta le debolezze dei suoi membri a scopo di profitto, il quale come minimo dovrebbe essere tassato. Questo dà adito alla sofferenza peggiore che si possa immaginare per Scientology, che rastrella milioni attraverso l'"auditing", ovvero ripulire un "pre-chiaro" da ricordi dimenticati. Con milioni di anni di memorie, venirne ripuliti e conseguire livelli di purezza sempre più elevati può rivelarsi una lunga e costosa esperienza. La quale produce anche informazioni strettamente confidenziali che vengono accuratamente archiviate negli schedari dell'organizzazione. 

Per alcuni, il processo si è rivelato anche pericoloso. Il mese scorso, la polizia tedesca ha perquisito a Monaco di Baviera cinque sedi dell'organizzazione in seguito alla morte sospetta di un membro della setta. A Clearwater, Florida, una giovane donna [Lisa Mc Pherson] è spirata in circostanze misteriose dopo essere stata trattenuta in un hotel di Scientology. Chissà, forse Clinton potrebbe mandare di sotto Janet Reno per un fine settimana di investigazione nel suo vecchio quartiere. 

Ma torniamo a Berger, che ha dovuto far fronte al capriccio Presidenziale il quale ampliava i suoi compiti per includervi l'alleviare le sofferenze di un attore. Interrogato dal "Meet the Press" a proposito del suo incontro con Travolta lo scorso Settembre, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale ha dato l'impressione che avrebbe preferito ingoiare la cravatta piuttosto che presentare la riunione come una normale risposta ai rapporti di persecuzione religiosa del governo tedesco. Il suo vero obiettivo, ha dichiarato, era di avere un autografo per uno dei figli - da notare come non abbia chiesto materiali educativi [di Scientology]. 

Berger non è l'unico esponente pubblico preso nella rete di Scientology. Il Senatore Alfonse D'Amato, sul quale a quanto ne sappiamo non si sta girando nessun film, ha rimproverato la Germania in occasione di un incontro organizzato dalla Commissione sulla Sicurezza e Cooperazione in Europa. E ora che alla fine dello scorso anno la Camera ha finalmente debellato un risoluzione nella quale si criticava l'operato della Germania, a una sbalordita Madeline Albright è già toccato di avere più di una grottesca discussione con il ministro degli esteri della Germania Klaus Kinkel, ugualmente sbigottito. Un giudice federale per l'immigrazione si è aggiunto alla surreale ilarità generale accordando asilo in Novembre a una ridicola donna tedesca che aveva paura di fare ritorno a casa perché era una Scientologist. 

Ma se tutto questo è strano, è niente paragonato ai misteri che circondano l'improvvisa decisione dell'IRS di concedere a Scientology lo stato di esenzione dalle tasse dopo anni di cause legali. La nostra Elizabeth MacDonald ha riportato che nell'accordo segreto [il testo integrale è ora di dominio pubblico e la storia è stata pubblicata sui giornali] l'IRS desistette dalla sua risoluzione sulla non deducibilità dei costi dell''"auditing", posizione precedentemente ratificata dalla Suprema Corte degli Stati Uniti. In cambio ottenne [da Scientology] 12,5 milioni di dollari [circa 21 miliardi di lire al cambio attuale] e la promessa che la setta si sarebbe ritirata dalle numerose cause legali intentate contro l'IRS e i suoi agenti. L'IRS dice che sta investigando la fuga di notizie. 

Nel frattempo, Scientology litiga con qualsiasi altro sia in vista; perché no, dopo aver intimidito i più forti di tutti? L'IRS ha recentemente annunciato il suo desiderio di mutarsi in un'agenzia amichevole. - che ne dite di una sessione di auditing? Vi lasciamo con questa domanda: c'è qualcuno all'IRS che pensa seriamente che le incredibili somme di denaro che Scientology spende in cause legali soddisfino il requisito dell'agenzia che un'istituzione benefica debba impiegare i suoi fondi soltanto per scopi caritatevoli? 

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it