In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Quand'è che una chiesa può essere accusata di un crimine?
 
Di Howard Troxler. St. Petersburg Times, 8 Dicembre 1999.
 
Traduzione a cura di Martini.
 
Questa è una storia di avvocati che ha a che vedere con un vaso di fiori che cade da un davanzale.
 
Un passante fa causa, sostenendo di essere rimasto ferito. L'avvocato della difesa risponde:
 
Per prima cosa, non era il nostro vaso.
 
In secondo luogo, se lo era, non è caduto.
 
Terzo, se è caduto, non ti ha colpito.
 
Quarto, se ti ha colpito, non ti ha ferito.
 
La "strategia del vaso di fiori" sta venendo impiegata da entrambe le parti nel caso penale in corso contro una branca della Chiesa di Scientology. Le argomentazioni di entrambe le parti appaiono notevoli.
 
Lisa McPherson, 36 anni, era una Scientologista che morì nel 1995 mentre era in cura presso la chiesa a Clearwater. Lo Stato ha accusato la Flag Service Organization della chiesa (o semplicemente "Flag") di abuso e pratica illegale della medicina.
 
La McPherson morì quel 5 Dicembre, dopo 17 giorni trascorsi al Fort Harrison Hotel sotto la supervisione degli Scientologisti. Lo Stato afferma che spirò per embolia polmonare, con disidratazione e immobilità come fattori che contribuirono all'evento. Afferma inoltre che nei suoi ultimi giorni cure forzate e deliranti illusioni giocarono un ruolo importante.
 
I legali di Flag cercano di far archiviare le accuse. Per prima cosa sostengono che accusare un'intera organizzazione anziché singoli individui (o magari nessuno) è una violazione del Primo Emendamento e delle leggi che proteggono la libertà religiosa. In secondo luogo, anche se Flag fosse accusata, è anticostituzionale punire gli scientologisti per la loro credenza religiosa che si oppone al trattamento psichiatrico. Dopotutto la legge non può costringere un Christian Scientist ad accettare cure mediche, o un Testimone di Geova una trasfusione di sangue. Infine anche se le leggi sull'abuso e la pratica illegale della medicina fossero state violate, si è trattato di "un errore, sebbene fatto con le migliori intenzioni", commesso da singoli individui, e non da Flag o dalla chiesa. "Lo Stato ha davvero il potere di infliggere ben più gravi e ampie punizioni perseguendo la chiesa, piuttosto che singoli individui", sostengono gli avvocati di Flag, "ma non ha legittimo interesse nel farlo".
 
Politici della Florida, state attenti. Questo è il vostro campo. Questo episodio è in parte basato sul Religious Freedom Restoration Act dello Stato del 1998, che la Legislatura ha passato come contentino alla Coalizione Cristiana. Ci scommetto che nessuno pensava agli Scientologisti. Questa legge afferma che lo Stato deve avere un "interesse obbligato" prima di poter imporre un peso sull'esercizio della religione. Anche allora, lo Stato deve usare "i mezzi meno restrittivi possibili".
 
Bernie McCabe, il Procuratore di Stato di Pinella-Pasco, e i suoi assistenti hanno presentato una vigorosa contro-argomentazione. Per prima cosa, hanno contestato che il trattamento della McPherson c'entra con la libertà religiosa. Non era coerente con la dottrina della chiesa. Secondariamente, anche se vi fosse una legittima affermazione di libertà religiosa, quella libertà non protegge i crimini. L'esempio più celebre è che i Mormoni possono essere perseguiti in caso di bigamia. Terzo, anche se le leggi sulla libertà religiosa si applicassero al caso, queste accuse non sono un "peso sostanziale" sulla chiesa. La semplice cattiva pubblicità non è un peso insopportabile. E non lo sono nemmeno le potenziali multe minime che potrebbero essere comminate. Infine, lo Stato discute sul fatto che Flag dovrebbe essere posta sotto accusa perché l'organizzazione nel suo insieme, molti suoi funzionari e membri dello staff, sono stati coinvolti nel caso della McPherson, o ne erano a conoscenza. Non si tratta perciò di un paio di cani sciolti.
 
"La complicità nei reati che sono derivati dalla permanenza di Lisa al Fort Harrison è diffusa", contesta lo Stato "e la responsabilità per la mancata azione è collettiva".
 
Voi che decisione prendereste? Come gli avvocati degli Scientologisti, non sono entusiasta all'idea di accusare le chiese di reati. Ma non sono neppure molti quelli che muoiono, mentre sono affidati alle cure di una chiesa, per presunte negligenze. Personalmente negherei la mozione di archiviazione, e lascerei che fosse la giuria a decidere la questione centrale - Flag, come istituzione, ha infranto la legge nel caso della morte di Lisa McPherson?
 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it