In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Il Caso Lisa Mc. Pherson 

Una nota di Keith Bennet. Traduzione a cura di Martini.

 
Estratto dalla pagina di presentazione di Keith Bennet che ha messo in Rete i risultati e le foto dell'autopsia di Lisa Mc Pherson, e le registrazioni interne dei giorni in cui Lisa, secondo gli avvocati della Chiesa di Scientology, soggiornava al Fort Harrison Hotel di Clearwater, Florida, per un periodo di «riposo, relax e per rimettersi in forze», dopo un piccolo incidente automobilistico.

Martini

 
 
 
 
 
 
All'inizio ho esitato a mettere insieme una pagina web che descrivesse la morte di Lisa Mc Pherson. Non desidero banalizzare la sua morte, o avvantaggiarmi di essa per i miei fini, o violare la sofferenza della sua famiglia. Da mesi ho sul mio hard il rapporto della sua prima autopsia, e ho registrato e trascritto l'Inside Edition che intervista il medico legale. Occasionalmente ho consegnato questi nastri a gente che pensavo dovesse vederli, a esempio i rappresentanti del governo. Ma questo è diverso dal mettere in rete le fotografie scattate durante l'autopsia della scheletrica e bianca Lisa, con le braccia livide. Comunque, credo che il solo modo in cui ci si possa rendere conto di che cosa sia successo a Lisa sia vederlo con i propri occhi - qualcosa che ora Internet permette di fare. 

Scientology, nel tentativo di nascondere il suo coinvolgimento e confutare le affermazioni fattele contro, ha fatto causa al medico legale che ha reso pubblici questi documenti. Intende assumere una squadra di esperti medici per contrastare le accuse del medico legale sulle cause della morte. Credo che il modo migliore, per VOI, di determinare la verità sia di vedere voi stessi le prove. 

Secondo Scientology Lisa è morta per un'improvvisa infezione batterica insorta nelle ultime 24 ore di vita. 

Secondo varie fonti, compreso il medico legale e anche affermazioni dell'avvocato di Scientology, Lisa, dopo 17 giorni di cura costante degli Scientologist a seguito di un piccolo incidente automobilistico:

 
 
  • Aveva picchiato con i pugni contro le pareti

  •  
  • Era stata senz'acqua da 5 a 10 giorni, forse anche tutti i 17

  •  
  • Aveva sulle mani morsi di scarafaggi

  •  
  • Aveva lividi su tutto il corpo, causati dall'essersi lanciata contro le pareti o essere stata tenuta bloccata da qualcuno

  •  
  • Aveva segni sui polsi che ricordano quelli dei legacci usati per legare i prigionieri NVA

  •  
  • Non aveva mangiato per giorni, forse molto di più

  •  
  • Non aveva dormito

  •  
  • Aveva il polmone sinistro completamente prosciugato dal coagulo di sangue che l'ha uccisa
 
 
Quando questa storia irruppe su Internet molta gente si spaventò per quello che Scientology fa ai suoi membri. Ci sono state molte storie, alcune credibili altre meno, su gente uccisa da Scientology - e questo senza tenere conto delle dozzine o centinaia di suicidi documentati che sembrano avvenire quando la gente si lega a Scientology. Comunque questa è la prima volta che abbiamo abbastanza prove per sapere, con ragionevole certezza, che Scientology ha direttamente ucciso qualcuno. 

E alla fine sono estremamente preoccupato da un'organizzazione i cui membri lasciano che questo accada, e non fanno niente. Tutto ciò è successo a Clearwater, Florida, la Mecca di Scientology, nel suo quartier generale del Fort Harrison Hotel - non in qualche luogo sperduto in mezzo alla campagna. Inoltre non solo l'hanno lasciata morire - l'hanno osservata morire. Lisa era sotto "supervisione 24 ore al giorno" per stessa ammissione di Scientology - e prove, come la "diphenhydramine" (il principio attivo del Benadryl) indicano che almeno la tenevano d'occhio.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it