In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Gli insegnamenti di Hubbard per la cura delle malattie mentali

Scientology sotto accusa.

Di Thomas C. Tobin, St. Petersburg Times, 14 Novembre 1998.

Traduzione a cura di Martini.

CLEARWATER - Quando Lisa Mc Pherson lasciò l'ospedale Morton Plant insieme ai suoi compagni Scientologisti, attraversò la linea che divide due mondi nettamente discordi sul modo in cui dovrebbero essere curate le malattie mentali.

Gli Scientologisti che si occuparono di lei per i successivi 17 giorni si affidavano agli insegnamenti del fondatore, il defunto L. Ron Hubbard, il quale disprezzava la psichiatria e scriveva che ogni apprendista delle sue pratiche di salute mentale "sa di più e può fare di più con la mente di qualsiasi psichiatra."

Al contrario, se il comportamento psicotico di Lisa Mc Pherson fosse continuato allo stesso modo in cui si manifestò al cospetto dei suoi compagni Scientologisti, i medici del Morton Plant l'avrebbero affidata nelle mani di psichiatri; sarebbe entrata nel sistema diretto dal Florida Mental Health Act.

Hubbard sosteneva che la persona psicotica è una "fonte potenziale di guai" collegata a forze che si oppongono a Scientology. Chi si comporta in modo aberrato non è "etico" ed è "immorale".

Per il sistema statale, la persona psicotica è vista più come vittima di una malattia mentale spesso causata da squilibrio chimico.

Al Fort Harrison Hotel di Scientology, la Mc Pherson doveva essere tenuta in una stanza finché un "supervisore del caso" non avesse deciso che stava bene.

Le leggi dello Stato concedono una simile autorità agli amministratori di un ospedale, ma alla Mc Pherson sarebbe stato concesso di contestare presso un giudice il suo stato di isolamento, e le sarebbe stata data la possibilità di collaborare alla stesura del suo "piano di trattamento".

Nessuno, al Fort Harrison Hotel, telefonò alla madre non Scientologista della Mc Pherson. Un istituto psichiatrico della Florida avrebbe avuto l'obbligo di avvisare la madre entro 24 ore. Un istituto del genere sarebbe stato soggetto a ispezioni statali e a standard consolidati di trattamento. Non è stato il caso del Fort Harrison, dove chi assisteva la Mc Pherson l'ha fatto in un hotel.

Lo stesso Hubbard affermava che le persone "del tutto psicotiche" come la Mc Pherson andavano oltre l'esperienza delle organizzazioni di Scientology che non fossero "attrezzate da ospedale". Diceva che prima che gli Scientologisti potessero occuparsi efficacemente degli psicotici "dovevano essere fornite istituzioni adeguate."

Questi istituti avrebbero dovuto offrire "solo riposo, quiete e assistenza medica per nutrimento endovenoso".

Il Fort Harrison non era attrezzato per il nutrimento endovenoso, pertanto, quando la Mc Pherson cominciò a rifiutare il cibo, i membri dello staff cercarono di spingerglielo in gola.

Nel 1973 Hubbard annunciò una "cura" per il comportamento psicotico che contemplava l'isolamento della persona in modo tale che si potesse "de-stimolare" e non costituisse più una minaccia. Prescriveva inoltre che nessuno parlasse in sua presenza e che le venissero somministrate vitamine e minerali "per ricostruire la persona". E infatti il modo in cui è stata curata la Mc Pherson risponde a queste direttive.

Hubbard aveva inoltre istruito i seguaci a fare uso di una "gentile persuasione." L'obiettivo, diceva, è far riposare la persona in preparazione all'assistenza di Scientology, che questi considerava più efficace e umana della psichiatria. 

Se la Mc Pherson fosse stata portata in un istituto, sostengono gli psichiatri, avrebbe probabilmente ricevuto farmaci calmanti. Forse sarebbe stata isolata, se necessario, e sarebbe stata nutrita per via endovenosa.

Hubbard è morto nel 1986, ma il suo zelo anti-psichiatria è stato raccolto dai suoi seguaci che recentemente hanno lanciato una campagna per "sopraffare, entro il 2000, il campo della salute mentale."

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it