In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Rimodellare l'uomo 

Tratto dal primo capitolo de L'Illusione Comunitaria - La costruzione moderna delle "comunità artificiali", a cura del dott. Mario Di Fiorino.

Moretti & Vitali Editori, 1998.

Via Betty Ambiveri 15, 24126 Bergamo. Fax 035 321647. ISBN 88 7186 107 8.

Copyright (C) 1998. Non può essere riprodotto senza il consenso esplicito dell'autore.

 
 
Dalle utopie ai sogni rivoluzionari 

I sogni di cambiare l'uomo hanno sempre sostenuto o affiancato progetti di cambiamento sociale: nel passato si sono espressi nelle visioni utopiche di città perfette e ideali. 

Nel diciassettesimo secolo Campanella ne La Città del Sole auspica la comunione dei beni e delle donne e assegna agli scienziati il compito di selezionare, in base a criteri scientifici e astrologici, le coppie e perfino di regolare i loro rapporti. Attraverso la limitazione dell'influsso della famiglia l'educazione permanente dello stato può meglio plasmare le nuove leve di cittadini. 

Bacon in Atlantide (1627) immagina che un viaggiatore raggiunga Bensalem, isola che aveva sempre evitato il contatto con gli stranieri. Trova un popolo felice saggiamente governato da una speciale istituzione, la Casa di Salomone, formata dai detentori di un sapere esoterico. 

Nel secolo dei Lumi gli illuministi si attendono un destino radioso per l'umanità. Basta che l'uomo abbandoni l'illusione dell'Al di là, e attui le riforme radicali predicate dai filantropi. Comte e Saint-Simon predicono, grazie al progresso scientifico e morale dell'umanità, una società senza conflitti, regolata dagli scienziati. 

Alla vigilia della Rivoluzione Francese si formano "società di pensiero", gruppi basati non più sulla comunanza di interessi professionali come era avvenuto fino ad allora nella vita reale di una comunità, ma sulla condivisione ideologica. Questi gruppi si incaricano non più di costruire città perfette, ma di guidare il processo rivoluzionario. 

Pullulano anche gruppi iniziatici (illuminati, martinisti, scozzesi). Una figura emblematica è costituita da Mesmer, medico ed occultista svevo, che ha esercitato un profondo influsso. A lui risalgono catene iniziatiche da cui discendono da un lato vari filoni di psicoterapia, dall'altro logge di utopisti radicali. 

La costruzione di comunità "artificiali" è stata proposta per inverare molti sogni utopistici, con l'illusione di poter creare l'uomo nuovo, un uomo migliore piegato alle differenti visioni della vita.

 
 
 
Le comunità settarie 

Mentre in una società vi è il continuo confrontarsi dei diversi modelli o ideologie, non solo negli scontri elettorali, in una comunità chiusa una visione della vita si afferma senza necessità di confronto e facilmente può svilupparsi fino alle conclusioni più radicali. Come nel terreno di cultura vediamo lo sviluppo rapido di un microorganismo, mentre nell'organismo vivente i batteri vengono contrastati dalle difese immunitarie. 

Tutte le culture dopo aver raggiunto la loro massima fioritura tendono a tramontare e a sfaldarsi. Alla fase aurorale, ascendente della civiltà (Kultur) succede il ripiegamento per l'esaurirsi di ogni spinta creativa ed originale (Zivilisation). 

Sono meno interessate da questo processo le culture che rimangono in uno "stadio evolutivo di relativa semplicità" e "vicinanza alla natura". Certamente la visione del tramonto delle società di Spengler si attaglia bene per descrivere la parabola delle comunità settarie o utopistiche, laddove le idee si dispiegano al massimo in breve tempo è più facile assistere ad una conflagrazione. 

In Occidente l'omologazione culturale ha lasciato alcune sacche, o nicchie in cui un capo carismatico, dopo aver raccolto intorno a sé dei seguaci con le proprie promesse illusorie, può tentare gli esperimenti "comunitari" più audaci. 

Del resto i contrasti della cult-litigation non avvengono in genere per motivazioni religiose. È infatti del tutto accettato nel nostro tempo che uno si scelga o si costruisca le proprie personali risposte religiose e mai l'uomo ha avuto a disposizione un supermercato di offerte così variagate.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non Ŕ consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it