In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Scientology in difficoltà nel processo con FACTNET 

La chiesa americana perde un importante round nella battaglia contro chi ha riprodotto su internet e cd-rom documenti e materiali del gruppo. 

Fonte: Punto Informatico - ZDNews.

11 Novembre 1998 - Denver (USA). Arriva dal Colorado la notizia secondo cui Scientology, la controversa chiesa statunitense, dovrà probabilmente rassegnarsi a vedere pubblicati e diffusi materiali e documenti che intendeva, invece, celare.

Da tempo la chiesa, attraverso la controllata Bridge Publications, ha fatto causa a FACTnet, organizzazione che ha distribuito su internet e su cd-rom materiali che Scientology sostiene sono protetti da copyright.

Ora un giudice federale ha deciso che la pubblicazione dei documenti da parte di FACTnet non costituisce una rottura del copyright perché, nei fatti, quei materiali non sono sottoposti a questa protezione.

Da quanto si sa, FACTnet aveva "piratato" quasi 2mila diversi documenti e pubblicazioni che poi ha provveduto a digitalizzare e diffondere. E il cofondatore dell'organizzazione, un tempo aderente a Scientology, Lawrence Wollersheim, è riuscito nell'impresa di dimostrare che la chiesa non ha diritti di copyright su alcuno dei documenti diffusi.

In realtà la decisione del giudice federale porta la contesa giudiziaria ad un livello più alto e un processo vero e proprio sulla questione dovrebbe aprirsi entro breve.

Secondo Daniel Leipold, legale di FACTnet, "si tratta di una grande vittoria. Significa che dovranno provare di possedere ciascuno di questi copyright. E siamo certi che non potranno farlo".

Non è la prima volta che Scientology combatte in tribunale contro ex-membri della chiesa che, una volta lasciato il gruppo, hanno cercato di diffondere all'esterno materiali che documentassero pratiche non "ortodosse" in modo tale da mettere in cattiva la luce la già contestatissima chiesa americana. E questi casi si sono decuplicati con la diffusione di internet, che ha fornito un mezzo ancora più efficace per distribuire materiali, come nel caso di FACTnet, e coalizzare gli oppositori di Scientology.

Proprio FACTnet, infatti, è un gruppo non-profit voluto da ex frequentatori della chiesa. Wollersheim nel 1980 aveva denunciato Scientology citando la chiesa per danni e ottenendo 30 milioni di dollari dopo un lungo processo. Una somma poi ridotta a 2,5 milioni ma ancora non incassata del tutto dall'uomo.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it