In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
I funzionari Ue, riserva di caccia per Scientology

Il movimento sposta il proprio quartier generale a Bruxelles per fare proseliti e creare una forte lobby all'europarlamento.
Di Maria Maggiore, La Stampa, 14 ottobre 2006.


BRUXELLES - Gli striscioni degli «occupanti» pendono ancora dalle finestre del bel palazzo ottocentesco sul Boulevard di Waterloo, pieno centro di Bruxelles. Le tre facciate di quest'enorme edificio in pietra, da quattro anni vuoto, sono state occupate da centinaia di famiglie senza casa. Ma l'ultimatum scade tra poche ore. E dietro la Società immobiliare che ha comprato l'immobile di 10 mila metri quadri, la Belgium Building Acquisitions, c'è Scientology.

L'organizzazione americana si appresta a spostare il suo quartier generale europeo dalla mite Copenaghen alla più visibile e potente Bruxelles. L'intenzione non dichiarata è strategica: tentare di convertire il più alto numero di «eurocrati», funzionari benestanti, colti, emancipati, il target ideale per la chiesa-setta in cerca d'adepti. Per gestire l'operazione è stato inviato in Belgio l'americano Neil Levin, amministratore della società che ha acquistato il palazzo ma, in precedenza, presidente di una delle più potenti sedi della Chiesa di Scientology in California. Scientology non conferma né smentisce lo sbarco nella capitale europea. E intanto la penetrazione nelle istituzioni si perfeziona. Due anni fa è stato acquistato un altro palazzo, stavolta più piccolo (circa 500 metri quadrati), nel quartiere europeo: rue de la Loi, un'arteria di grande traffico dove si trovano gli uffici della Commissione.

Ma se la lobby europea esiste già, perché aprire una faraonica nuova sede? «Scientology è in calo d'iscrizioni», spiega Andreas Lund, un norvegese esperto di strategie della setta creata da Ron Hubbard negli Anni 60. «Gli ultimi processi in Francia e negli Stati Uniti le hanno rovinato l'immagine. E' alla ricerca di nuova credibilità internazionale che dia soldi e potere», dice Lund. E vogliono impressionare con 10 mila metri quadrati di uffici, stanze di conferenze e sale dove praticare le loro terapie di «audit». Lo scopo è essere molto visibili per convincere, come ha rivelato una giornalista di Le Soir magazine [1] che lo scorso 8 aprile si è intrufolata in una riunione bruxellese della setta. «Siamo in guerra», aveva cominciato l'oratore annunciando l'acquisto del nuovo palazzo a Bruxelles. In guerra «contro le istituzioni europee che bisogna risvegliare e educare». Bersaglio privilegiato è naturalmente il Parlamento europeo, faraonico transatlantico, dove le lobby circolano in quasi assoluta libertà.

«S'intrufolano insidiosi - dice un deputato che preferisce restare anonimo -, sono molto presenti attraverso le due associazioni che lavorano per Scientology "Youth for Human rights" e "Citizen for Human Rights".[2] Nei siti di queste due lobby i temi classici: lotta spietata alla psichiatria (loro propongono cure alternative), attenzione alla salute mentale dei bambini, lotta alla droga (con Narconon, hanno messo a punto un loro sistema di cura dei tossicodipendenti) e lotta alle discriminazioni. «La lobby è un pretesto, uno degli obiettivi», dice ancora il norvegese Lund. «Il loro vero scopo è il potere. Vogliono controllare le alte sfere dell'Europa per manipolarla a loro comodo».

Altro bersaglio la Commissione europea dove lavorano 20 mila funzionari. «Organizzano seminari per la lotta alla droga accanto i palazzi della Commissione. Certo, qualche funzionario con un figlio drogato ci andrà e così entrerà nella rete», dice la responsabile di un'associazione contro le sette, che preferisce restare anonima. Il 26 giugno scorso Scientology ha organizzato a Bruxelles una conferenza per celebrare il giorno internazionale delle Nazioni Unite contro le dipendenze da droghe. Nell'invito si ritrova tante volte il logo dell'ONU, ma mai quello di Scientology. L'ufficio del Presidente della Commissione Barroso ha invitato nel 2004 anche la Chiesa di Scientology a una riunione con vari rappresentanti religiosi. Attaccati poi da vari deputati europei, adesso i suoi portavoce preferiscono smentire qualunque contatto ufficiale con la setta. Anche perché tra qualche mese si aprirà il processo contro una delle sedi belghe. Sono tante le accuse lanciate da ex affiliati: truffa, esercizio illegale della medicina, ricatti. Lo Stato belga attacca Scientology per il suo funzionamento come un'organizzazione criminale. Ma di fronte al Palazzo di Giustizia ci sarà un esercito di volontari pronto a dissuadere i giudici.


Box: La fuggiasca: cercano solo i soldi. Volevo salvarmi, mi hanno rovinata

«Il loro metodo è il ricatto. Prendono di mira persone con molte risorse finanziarie e scavano nella loro vita alla ricerca di un buco nero, di un errore. E poi attaccano. Soldi, soldi e ancora soldi in cambio di una copertura,, dell'apparente soluzione di un problema e di un riscatto morale. Ti danno l'impressione di salvarti, di far nascere in te un superuomo. E piano piano t'intrappolano succhiandoti fino all'ultimo centesimo». È l'impressionante racconto di Maria Pia Gardini, schedato tra le tante vittime di Scientology dall'"Osservatorio Federale belga contro le sette" che raccoglie pagine e pagine di materiale su Scientology.

La Gardini è entrata in contatto con la setta a Roma nel '85. Un'amica le ha consigliato di rivolgersi ai seguaci di Ron Hubbard per fare uscire la figlia dalla droga. Entrambe hanno seguito tutti i corsi di "purificazione" in America, poi Maria Pia è diventata un "soldato" dello staff, pagata 20 dollari a settimana mentre i corsi e la rieducazione della figlia le sono costati quasi due milioni di dollari. «Mia figlia poi è morta, io sono riuscita a uscire dalla setta pagando cifre astronomiche. E non chiamatela religione. Il buddismo adora un dio, loro chi amano? Solo il denaro» scrive nel suo sito (http://www.antisectes.net/gardini-sole.htm).




Bruxelles preferisce gli squatters a Scientology
Di Justin Stares da Bruxelles, The Telegraph, Londra, 30 ottobre 2006.


Sede delle istituzioni dell'Unione Europea, Bruxelles si pubblicizza come casa ideale di qualsiasi tipo di organizzazione internazionale. Ma la città non ha dato un particolare benvenuto al suo ultimo ospite straniero: la Chiesa di Scientology.

Con grande scorno dei funzionari di alto livello della chiesa, una proprietà di tre piani recentemente acquistata per diventare il suo quartier generale a Bruxelles è stata invasa da occupanti abusivi. Ma la loro furia contro i residenti illegali non è nulla se paragonata alle proteste rivolte contro le autorità di Bruxelles, che hanno dichiarato la chiesa persona non grata e dicono che non faranno rispettare gli ordini di sfratto.

Freddy Thielemans, il sindaco, ha sostenuto che «l'unica attività» della chiesa è raccogliere denaro da «ingenui che possono essere tentati dal loro messaggio». Ha promesso di usare «ogni mezzo possibile» per impedire la creazione in città del suo quartier generale europeo.

L'ostile accoglienza della chiesa in città è in netto contrasto con la fanfara di pubblicità ricevuta a Londra la settimana scorsa, quando l'attore Tom Cruise è arrivato per l'inaugurazione di una sede da 23 milioni di sterline vicino alla cattedrale di St. Paul.

La proprietà dell'edificio di Bruxelles, l'immobiliare BBAI rappresentata dall'importante scientologist americano Neil Levin, ha chiesto che gli squatter fossero sfrattati per permettere i lavori di restauro, e ha messo sulla porta una guardia di sicurezza con un cane.

Ma alla compagnia è stato detto che in Belgio i privati cittadini non hanno il diritto di sostituirsi alla polizia per far rispettare la legge. E martedì scorso una corte ha ritenuto non valido l'ordine di sfratto.

Il rappresentante di Scientology in città ha detto di essere perplesso dall'atteggiamento dei politici belgi. «È come qualcosa del secolo scorso» ha commentato Fabio Amicarelli. «Non rientra certo nell'immagine di capitale d'Europa di Bruxelles».


Note di Martini:

1. Si veda l'articolo originale di Le Soir.

2. Comitato dei Cittadini per i Diritti dell'Uomo - CCDU - in Italia, sponsor di una nuova campagna antipsichiatrica (www.perchenonaccada.org) patrocinata, tra gli altri, dalla RAI e dal CODACONS. Evidentemente Scientology non cerca proseliti solo tra gli europarlamentari...

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it