In ottemperanza al provvedimento 08/05/2014 Garante per la protezione dei dati personali, si avvisa il lettore che questo sito potrebbe utilizzare cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche anonime. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
Messia o pazzo? - Capitolo 2/5: Sara racconta

Di Bent Corydon e Ron Hubbard, Jr. (alias Ronald DeWolf)
© 1987 Lyle Stuart Inc. Secaucus, New Jersey, ISBN 0-8184-0444-2

© Traduzione in italiano a cura di Simonetta Po, 2003-2004

 
Ho incontrato Sara e suo marito il 12 luglio 1986 a casa loro. Si è trattato di un'intervista in esclusiva, in quanto Sara non parlava pubblicamente di L. Ron Hubbard da quasi 35 anni.

Sebbene non mi abbiano permesso di registrare l'intervista, ho potuto prendere appunti che ho successivamente riassunti per mettere insieme il racconto che segue [1].

Sara:

Per scrivere Dianetics: la Scienza Moderna della Salute Mentale impiegò circa diciotto mesi. Gran parte del lavoro fu scritto a Savannah, Georgia, poi a Bayhead e a Elizabeth, in New Jersey.

Mentre scriveva era felice come non l'avevo mai visto prima. A Savannah, dove scrisse parte di Dianetics, andava alla grande. Fu un periodo meraviglioso.

Pensavo che in Dianetics ci fosse qualcosa di valido e che Ron potesse dare un contributo.

John Campbell era una persona molto ottimista, brillante, aveva una grande influenza su Ron e fu di importanza capitale per il successo di Dianetics. Era un editore meraviglioso.

Dopo Dianetics iniziarono ad entrare soldi a palate e Ron soleva portarsi in tasca somme di denaro enormi. Ricordo che una volta passammo davanti ad una concessionaria della Lincoln e mi fermai ad ammirare una delle automobili esposte. Ron entrò e me ne comprò una così, su due piedi, in contanti.

Dopo il divorzio mi scrisse dicendomi che presto Lexi avrebbe iniziato a chiedere: «Perché non ho una Lincoln?»...

Ron non riusciva a reggere lo stress. Sotto stress usciva di testa. Aveva un carattere estremamente violento. Ma riusciva anche ad essere estremamente affascinante. Si mostrava molto affascinante di fronte a qualcuno, poi non appena questi se ne andava usciva con battute al vetriolo contro la persona con cui aveva fatto sfoggio del suo charme.

Quando teneva le conferenze mostrava sempre il lato affascinante di sé... a vederlo sul palco non avresti mai detto che fosse un uomo così pieno di problemi...

Una volta a Los Angeles era sul palco, e disse che ero la prima "clear". Fu tremendamente imbarazzante...

Ron faceva uso di un sacco di farmaci e vitamine, e di forti dosi di testosterone (ormoni maschili). Ricorreva all'automedicazione e ne era molto orgoglioso. Ma la stragrande maggioranza dei suoi seguaci dianeticisti non immaginò mai nemmeno lontanamente le sue inclinazioni in questo senso.

Gerry Armstrong ha detto:
È documentato che Hubbard faceva uso di forti dosi di testosterone e di stilbestrol (ormone sessuale femminile).

Assumere ormoni sessuali era la sua soluzione ad un problema di impotenza.

Un'altra soluzione era ricorrere alle "affermazioni".

Le "affermazioni" erano comandi dati a se stesso come parte dell'auto ipnosi (a volte vedrete una frase come "Sì, sono incasinato col sesso". E poi se ne esce con un'affermazione: "Sei sessualmente meraviglioso! Le tue prodezze sessuali non sono mai state eguagliate sulla faccia della Terra!")

Questo tipo di cose accanto alle sue stesse dichiarazioni di inadeguatezza - che poi erano la realtà della questione.

Chiaramente l'impotenza giocò un grosso ruolo nel suo atteggiamento verso le donne.

In quel periodo l'impotenza occupava molti dei suoi pensieri. Scrisse diverse pagine su come, "dopo Fern", si era sentito troppo impaurito per andare da un dottore. [Fern era la ragazza di Miami che lui diceva gli avesse trasmesso la gonorrea]. Quindi si dosava da solo lo zolfo, poi diceva che lo zolfo gli deprimeva la libido, e la sua soluzione erano testosterone e stilbestrol.

«Mi ha talmente depresso la libido» scrisse, che aveva bisogno di qualcuno come Sara che lo stimolasse.

Nella sua testa questa era una cosa molto grossa.

Dalle Affermazioni (secondo Gerry Armstrong):

«DISAPPROVO QUANDO SENTO DIRE CHE UNA VERGINE È STATA STUPRATA. LA MAGGIORANZA DELLE DONNE SERVE PER FORNICARE».

****

Sara continua:

Il fatto è che fisicamente era un caso da manuale. Ero un caso psicosomatico. Poteva rimanere cieco in qualsiasi momento della giornata. Aveva questi tremendi accessi d'ira e il suo sistema andava completamente in tilt.

A volte camminava usando un bastone. Era tutto psicosomatico. In lui non c'era davvero nulla che non andasse.

"Affermazioni" selezionate, rivelate durante il processo Armstrong. Gerry Armstrong legge:
Il problema di stomaco che hai usato come scusa per impedire che la Marina ti punisse. Sei libero dalla Marina. Non hai più ragioni per avere uno stomaco debole.

La tua ulcera sta bene e non ti infastidirà mai più. Puoi mangiare qualsiasi cosa.

La tua anca è una posa. Hai un'anca sana. Non ti fa mai male.

La tua spalla non fa mai male.

Il tuo piede è un alibi. La ferita non serve più. Il piede sta bene. Hai un piede perfetto e incantevole.

Il tuo problema di sinusite non è nulla. Non è pericoloso. Svanirà. Il raffreddore ti diverte. Sei protetto da ulteriori malattie. La tua allergia ai gatti è svanita per sempre e non tornerà più. Non hai la malaria.

Quando dici alla gente che sei malato, ciò non ha effetti sulla tua salute. E alle visite dell'Amministrazione dei Veterani dirai quanto malato sei; apparirai malato quando lo dirai; tornerai in salute un'ora dopo la visita, e riderai di loro.

Indipendentemente da quante bugie potresti raccontare agli altri, esse non avranno nessun tipo di effetto fisico su di te. Dire che la tua salute è così cagionevole non la farà peggiorare. Non puoi mentire a te stesso...

Mr. Flynn [avvocato di Armstrong]: Vorrei che l'intero documento fosse messo agli atti.

Mr. Litt [avvocato della chiesa]: No, no no. Le parole "per ipnosi"...

Testimone: Questa è (g), «Che i miei occhi (che ho usato come scusa per lasciare la scuola) sono perfetti e non mi fanno mai male».

Domanda di Mr. Flynn: Ora Signor Armstrong, è in grado di dirci in che data Mr. Hubbard scrisse questi documenti?

Risposta: tra il 1946 e il 1947...

****

Sara:

Ron era affascinato dalla magick...

Jack [Parsons] era un tipo meraviglioso, brillante, sincero. Casa sua a Pasadena era un luogo incantevole. Scienziati, fisici e ingegneri venivano, si fermavano, parlavano...

Tanto del linguaggio scientifico che Ron ha usato in Dianetics e Scientology proviene probabilmente dai corsi di ingegneria che fece durante la sua breve esperienza universitaria a Washington. Fallì quei corsi abbastanza miseramente. Era troppo incostante. Troppo nevrotico per star seduto e studiare. Non approfondì mai realmente qualcosa.

Ne assumeva semplicemente il gergo. Era un dilettante.

Tuttavia sotto certi aspetti era un uomo estremamente capace. Ma emotivamente era profondamente disturbato. Il successo lo stressava. Pensavo che dovevo stare con lui nonostante la sua pazzia. Avevo questa idea di dover essere responsabile per lui. Avrei dovuto lasciarlo molto prima. Non riesco a credere di essere stata con lui cinque anni!...

Poco dopo esserci conosciuti mi disse che se non lo sposavo si sarebbe ucciso...

A proposito della Chiesa di Scientology:
La gente non vuole pensare. Vuole consegnare la sua vita affinché qualcun altro prenda le decisioni.
Su Ron scrittore:
Quando scriveva Ron era felice, stare con lui era divertente. Ma a volte gli veniva il blocco dello scrittore e poteva diventare parecchio angosciante. Lo intrattenevo spesso con delle trame, in modo che riuscisse a scrivere. Mi piaceva molto inventare trame. La serie di "The Old Doc Methuselah" nacque in quel modo.
****

Sara ha parlato con molto affetto della figlia Alexis e degli altri due figli che aveva avuto, mostrando curiosità per i figli di Hubbard e Mary Sue.

Era preoccupata che Alexis potesse essere molestata dalla chiesa.

****

Nel giugno del 1986 la Chiesa di Scientology ha accettato un accordo finanziario con Alexis.

All'incontro per l'accordo hanno cercato di farle firmare un affidavit in cui sosteneva di essere figlia di Ron Jr. Le hanno preso le impronte digitali e hanno video registrato l'incontro e, in cambio di una somma di denaro non specificata, le hanno fatto firmare un accordo in cui si impegnava a non dire o scrivere mai una parola su L. Ron Hubbard e sui suoi rapporti con lui.

Sara:

[Alexis] Non ha avuto molto denaro. Ha un marito che l'adora, e lei e i bambini conducono una vita serena. Non ha bisogno di molti soldi e, soprattutto, non ha bisogno di essere molestata.

Quando abbiamo mostrato la fotografia (di Hubbard che teneva in braccio Alexis bambina), gli scientologist che rappresentavano la chiesa sono rimasti veramente scioccati. Credo che avessero davvero creduto alla storie secondo cui Alexis era un'avventuriera che cercava di estorcere un po' di soldi a Ron. Si sono ritirati in un'altra stanza e hanno parlato tra di loro in modo agitato. Si sentiva il brusio.

****

Dal processo Armstrong:

Domanda di Mr. Flynn: ... il materiale relativo a Alexis Hollister e Sara Northrup che lei rinvenne aveva un significato particolare per il suo progetto biografico?

Risposta: Sì.

D. Come mai?

R. Beh, Sara Northrup era stata chiaramente sua moglie. Erano stati insieme dal 1945 fino almeno al 1951.

Avevano avuto un divorzio veramente turbolento; era con lui nel periodo della nascita di Dianetics e Scientology. Era una parte importante.

Ho anche visto le accuse che Hubbard le aveva fatto, secondo cui Sara era una dello SMERSH [2], era una spia sovietica; che era stata mandata per distruggere la Fondazione Dianetics.

Ho visto tutte quelle dichiarazioni.

D. Bene, adesso vada avanti. Qual era l'importanza della situazione Sara-Alexis in riferimento ai documenti che rinvenne durante il progetto biografico?

R. Alexis era legata in quanto figlia di Sara. Sapevo che era figlia di Sara. Non ero... avevo visto le istruzioni [dell'ufficio ]delle PR in cui si diceva che non era figlia di Hubbard.

All'epoca avevo visto da qualche parte una delle prime edizioni di un libro (credo fosse Scienza della Sopravvivenza, uno dei primissimi libri), ed esso era dedicato a Alexis Valerie Hubbard, quindi rilevai queste contraddizioni. Poi intervistai anche diversi parenti di Mr. Hubbard. Cugini... una zia eccetera, e con loro discussi di Sara e Alexis.

Qualche tempo dopo ottenni dall'archivio del LRH Pers Sec [Segretario Personale] U.S. questo pacco di materiale su Alexis.

... per me aveva un grande significato. E l'aveva anche per Omar Garrison.

D. E come mai?

R. Era la vita di quell'uomo, veramente... Una incredibile serie di eventi in cui sua figlia, che non vedeva il padre per 20 anni - la persona che per 20 anni aveva creduto essere suo padre - nel 1971 gli scrisse una lettera... cercando di entrare in contatto con lui.

La comunicazione fu ricevuta... [dal] Guardian's Office ... Jane Kember... scrisse a L. Ron Hubbard perché la considerava una minaccia...

Era una figlia che cercava di mettersi in contatto con il proprio padre... il metodo di L. Ron Hubbard di gestire ciò che egli e il Guardian's Office... percepivano come una minaccia fu davvero notevole... fece scrivere una lettera dal Guardian's Office su una macchina da scrivere "non di uso generale" [3]. (Questo per me ebbe un significato importante perché sapevo che si trattava di una pratica del Guardian's Office utilizzata per scrivere lettere che dovevano essere usate per scopi clandestini, segreti, operazioni di un qualche tipo. Scrivevano una lettera su una macchina da scrivere di cui poi si sbarazzavano in modo che non potesse essere usata per nessun altro scopo, così i caratteri non avrebbero mai avuto riscontro e non si sarebbe potuto identificare la fonte di tali lettere)...

Poi la lettera sarebbe dovuta essere letta alla ragazza. E si trattava di una lettera davvero spaventosa.

Era... L. Ron Hubbard veniva presentato come un cavaliere senza macchia mentre sua madre, la donna che si era presa cura di lei per tutta la vita, veniva presentata come una sgualdrina totale. Hubbard terminava la lettera con un appunto per Jane Kember:

«LA DECENZA È UN ARGOMENTO NON COMPRESO BENE» [Enfasi aggiunta].

Posso garantirlo. Non riesco a pensare ad un'azione più indecente di quella che lui fece alla ragazza che conclusi essere sua figlia...

D. Alexis è nata l'8 marzo 1950?

R. Sì.

D. E i capelli di Ron Hubbard di che colore sono?

R. Rossi.

D. Lei sa di che colore sono i capelli di Alexis?

R. Rossi.

D. Signor Armstrong, in riferimento alla lettera mostrata ad Alexis su istruzioni di L. Ron Hubbard, lei pensa che le descrizioni che quella lettera fa di Mr. Hubbard siano inaccurate?

R. Sì.

D. E quali sono?

R. Intende nella lettera ad Alexis?

D. Sì.

R. Bene. Disse alla figlia che «tua madre alla fine del 1948 era la mia segretaria a Savannah».

D. In realtà all'epoca era sua moglie?

R. Sì. Scrisse poi che: «Nel luglio del 1949 ero a Elizabeth, New Jersey, e stavo scrivendo il soggetto per un film. Si presentò da me senza un soldo e incinta. Non so con chi viveva a Pasadena, ma aveva rapporti strettissimi con Jack Parsons... venni su da Palm Springs dove vivevo e trovai te (Alexis) abbandonata...».

Bene, in realtà intervistai la persona che era con lui all'epoca, il cui nome è Frank Dessler, e Hubbard e Dessler avevano preso la bambina ed erano scappati. E a quel punto i giornali parlarono di accuse di rapimento.

D. Accuse contro Mr. Hubbard?

R. Sì.

D. Aveva sottratto Alexis a Sara ed era fuggito?

R. Sì. Alla fine era andato all'Avana, a Cuba.

D. E rimase all'Avana con Alexis?

R. Sì. Lui dice che ci fu...

D. Tutto questo scritto con la sua calligrafia, giusto?

R. Sì. Poi scrisse che non c'era... sua madre e Hollister, che in seguito sposò, lui disse (Hubbard disse) «Hanno avuto molta pubblicità sui giornali, niente di vero, e hanno assunto l'avvocato divorzista più caro degli Stati Uniti per farmi causa per il divorzio e prendersi la Fondazione di Los Angeles come risarcimento. E questo fu un vero rompicapo, poiché non c'è mai stato un matrimonio legale quindi non poteva esserci nessun divorzio».

Naturalmente le cose non andarono a quel modo. Penso che se lui intendeva dire di essere stato bigamo aveva ragione. Ma in realtà ci fu un matrimonio.

D. E vi fu un divorzio?

R. Sì. È così perverso... da parte sua non c'è la volontà di assumersi alcuna responsabilità su niente.

****

Ancora dall'intervista a Sara:

Dopo il matrimonio andammo a Port Orchard e Ron chiese il divorzio [da Margaret Louise Grubb, madre di Ron Jr.], ma io all'epoca non ne sapevo nulla.

Appresi che era ancora sposato con lei soltanto dopo l'inizio delle pratiche di divorzio. Quando Polly [la prima moglie di Hubbard] seppe che io stavo cercando di divorziare mi scrisse una lettera. Fu molto comprensiva.

Miles, il marito di Sara:
Quando Hubbard si rese conto che Sara era con me minacciò diverse volte di uccidermi.
Sara:
Dopo la sentenza di divorzio Ron mandò qualcuno a farmi domande. Dicevano di essere del FBI. Sembravano mormoni, ma con una brutta pelle. Mi chiesero che cosa pensassi di lui. A dispetto della risoluzione legale, sembrava che nella sua mente la cosa non fosse finita.

A me di lui non poteva importarmene di meno. Ero semplicemente felicissima di essere riuscita a scappargli!... durante il divorzio non solo disse che stavo con i comunisti, ma anche con i fascisti!

****

Secondo John Sanborne, scientologist della prim'ora:

In precedenza (prima del divorzio) LRH aveva fatto questo stupido tentativo di plagiare Sara in modo che lei facesse quel che lui gli diceva. L'aveva fatta tenere seduta su una sedia, le aveva fatto impedire di dormire e aveva cercato di usare su di lei i principi di Dianetics Nera, ripetendole continuamente tutto ciò che lui voleva che lei facesse. Cose come «sii sua moglie, abbi una famiglia che sembri perfetta, non divorziare» [4].

Era Dick de Mille a cercare di inculcarle quelle cose, giorno e notte.

Nel leggere queste parole Sara ha commentato:
Anche Dave Williams lavorò su di me. Parlano sempre di Dick de Mille. Non parlano mai di Dave Williams.

Hubbard rimase a Cuba per due mesi. L'ultima volta in cui lo vidi eravamo in Kansas, all'udienza di divorzio. Quando finalmente arrivò la sentenza mi sentii come se fossi stata liberata di prigione! L'ultimo anno con lui era stato particolarmente terribile...

Non sono una persona patetica che ha sofferto tutta la vita a causa degli anni trascorsi con Ron. Non posso vivere una vita arrovellandomi...

Nel tuo libro fai vedere che tipo era. Non hai bisogno di me...

****

All'inizio degli anni '70 il Guardian's Office mise in giro la voce che Sara era morta. Secondo questa storia Sara, poco prima di trapassare - sul letto di morte - aveva chiesto di vedere Hubbard.

Ron aveva risposto immediatamente precipitandosi al suo capezzale. Lei l'aveva guardato con occhi tristi dicendogli: «Riuscirai a perdonarmi, Ron? Ho raccontato soltanto bugie». E lui le aveva risposto dolcemente: «Certo».

Secondo la storia lei aveva aggiunto: «Dovevo farlo, Ron. Ero stata ricattata». Lui le aveva detto gentilmente: «Perché non me l'hai detto? Avrei fatto qualcosa».

****

Sara, commentando gli ultimi anni trascorsi con Hubbard:

Fu davvero disgustoso. Ho fatto bene a tacere per 35 anni e non voglio parlarne adesso.

****

Renderti disponibile la traduzione di questo libro ha comportato decine di ore di lavoro. Contribuisci anche tu a mantenere vivo questo sito
con una una

Per la storia sarebbe molto utile conoscere l'intera vicenda. Tuttavia esistono pochi dubbi sul fatto che l'esistenza di Sara, di suo marito e della loro famiglia verrebbe gravemente disturbata dalla pesante brutalità del "servizio segreto" di Scientology, dalle sue molestie e dalla messa in moto della sua "macchina da propaganda nera".

Sara si aggiusta sulla poltrona. I suoi grandi occhi blu fissano il vuoto. «No, Bent. Mi dispiace. Preferisco non continuare...».


Note:

1. Inframmezzati al racconto ci sono diversi estratti del processo Armstrong e il racconto di uno scientologist della prim'ora.

2. Dai romanzi di James Bond. Il nome di una organizzazione complottistica mondiale votata al male. Nome usato da Hubbard per riferirsi a chi, nella vita reale, considerava essere un gruppo simile.

3. L'ordine di non utilizzare una macchina da scrivere di uso comune era scritto con la calligrafia di Hubbard.

4. Circa in quel periodo Hubbard tenne conferenze e scrisse sulla malvagità di "Dolore - Droga - Ipnosi", mettendo in guardia sull'uso della "Dianetics Nera" - cioè Dianetics al contrario, usata per inculcare suggestioni ipnotiche piuttosto che eliminarle.

 
 
 
INDICE
 
 
 

Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it



Copyright © Allarme Scientology. L'utilizzo anche parziale dei materiali di questo sito - testi, traduzioni, grafica, immagini, digitalizzazione e impaginazione - con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto, non consentita senza il preventivo consenso scritto del gestore del sito. Per richieste e chiarimenti contattare: allarmescientology@email.it